Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 840
MODICA - 06/01/2009
Attualità - Modica - E’ stato riportato allo splendore originario

Modica: atrio comunale restaurato

Sono state rimosse le transenne e le impalcature dopo quasi
sei mesi di lavoro e una spesa di quasi 800mila euro
Foto CorrierediRagusa.it

Il nuovo anno porta un atrio comunale restaurato (nella foto). E’ quello di palazzo S. Domenico dove sono state rimosse le transenne e le impalcature dopo quasi sei mesi di lavoro. Il cantiere è stato finanziato con i fondi della 433 ed ha comportato una spesa di quasi 800mila euro. L’impresa appaltatrice ha riportato al loro stato originario le colonne in pietra che oggi si presentano con una superficie martellata che ne esalta il colore e la buona fattura.

Oltre a prevedere una illuminazione con lampade rivolte verso il basso il progetto ha anche riguardato il piano alto del cortile visto che il palazzo è stato riportato alla sua configurazione originaria. Sono stati infatti eliminati i balconi che erano stati aperti negli anni 60’ da alcune stanze; oggi invece tutte le aperture del primo piano sono finestre che affacciano sul cortile che danno uniformità e continuità a tutto lo sviluppo dell’edificio. Per la sistemazione definitiva del palazzo manca ormai solo lo spazio centrale e la pavimentazione del corridoio che porta all’ingresso nobile del palazzo.

La ristrutturazione infatti non ha previsto il basolato in pietra di calcare duro per la mancanza di finanziamenti. E’ rimasta pertanto la copertura in mattonelle di asfalto che non è per nulla in sintonia con colonne e porticato e stride con quanto è stato fatto finora. L’assessore ai Ll.Pp. Giorgio Cerruto ha intenzione di chiedere un ulteriore finanziamento di 300mila euro per completare al meglio la ristrutturazione che ha ridato dignità ad uno degli edifici più imponenti della città.