Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1252
MODICA - 22/11/2008
Attualità - Modica - L’amministratore unico Carmelo Ruta si è messo al lavoro

Multiservizi, quadro disastroso: appena 5mila euro in cassa

I debiti ammontano ad oltre 4milioni di euro. Troppi gli sprechi
Foto CorrierediRagusa.it

«Situazione disastrosa. Ci sono appena cinque mila euro in cassa». L´avvocato Carmelo Ruta (nella foto) ha ricevuto le consegne da parte del precedente amministratore Nino Scivoletto e si è insediato ufficialmente come responsabile della Modica Multiservizi. « Sapevo che era messa male – dice Ruta- ma non mi aspettavo una situazione così precaria. I fornitori non assicurano più niente perché vogliono essere pagati ed hanno un arretrato molto consistente, difficile così garantire i servizi». Ruta ha preso visione delle carte subito dopo l’incontro tenuto presso la sede di S. Giuliano Macallè; oltre a Nino Scivoletto erano presenti anche i componenti il collegio dei sindaci della società.

Carmelo Ruta ha ricevuto i libri contabili, ha preso atto ufficialmente dello stato patrimoniale, dei debiti e dei crediti. A fronte di un credito di circa sei milioni e mezzo vantato dalla Multiservizi nei confronti del comune la società ha debiti per quasi quattro milioni e mezzo; due milioni sono invece il capitale investito in mezzi, forniture, apparecchiature, strutture. « Il mio obiettivo dice Ruta - è quello di tagliare subito una serie di sprechi, di riorganizzare il personale ma devo parlare subito con il sindaco per affrontare la situazione.

La società ha spese per 250mila euro al mese ed in qualche modo deve avere questa garanzia». Ruta ha toccato con mano una realtà che per mesi è stata tenuta sotto silenzio e che non è stata affrontata con la necessaria decisione. Il problema non è di facile soluzione perché da un lato il comune è debitore ma non ha i soldi per pagare e rendere operativa la società, dall’altro la società è creditrice ma non può svolgere i servizi perché non ha liquidità.