Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 310
MODICA - 06/09/2007
Attualità - Ospedale Maggiore

Al pronto soccorso nulla è cambiato

Dopo la nomina del nuovo direttore Scarso Foto Corrierediragusa.it

Sanità in chiaroscuro. Se l’Ausl sostiene che tutto va bene e che eventuali, piccoli disservizi sono solo fisiologici, la pensano agli antipodi utenti e uomini politici. Tra questi l’onorevole Roberto Ammatuna, della Margherita, che spende qualche parola sul pronto soccorso dell’ospedale Maggiore. E non si tratta di una voce qualunque. Ammatuna il pronto soccorso lo conosce bene, essendone titolare in aspettativa per mandato parlamentare e avendoci lavorato per anni.

La nomina del suo sostituto Carmelo Scarso (nella foto da sx assieme al manager dell’Ausl 7 Fulvio Manno), ha indotto il parlamentare a dire la sua sulla situazione dell’unità operativa complessa del nosocomio. «Manifesto soddisfazione ? dichiara Ammatuna ? per il collega che dirige una struttura importante e fondamentale per l’emergenza sanitaria, essendo al servizio di un territorio che ingloba, oltre alla provincia iblea, anche i comuni della zona sud del siracusano, con oltre 36mila accessi annui. Non vorrei tuttavia ? prosegue il parlamentare ? che questo valido professionista venga subito caricato di notevoli responsabilità, senza le necessarie garanzie di risorse umane e logistiche».

Secondo Ammatuna, difatti, il pronto soccorso del Maggiore dovrebbe essere trasferito in locali più ampi e confortevoli «perché quelli attuali ? precisa ? sono angusti. Senza dimenticare poi il potenziamento dell’organico di medici e paramedici, al momento insufficiente per affrontare con tranquillità le emergenze che si presentano. Compito di tutti ? conclude il parlamentare ibleo ? sarà quello di mettere nelle migliori condizioni di lavoro possibili il dottore Scarso, per consentirgli di sfruttare al meglio le professionalità esistenti e di offrire agli utenti un servizio efficiente e di qualità».

Originario di Vittoria, il nuovo direttore del pronto soccorso ha prestato la sua attività professionale all’università di Catania acquisendo, nonostante la giovane età, una serie di titoli professionali che hanno convinto il direttore generale ad affidargli questo delicato compito. E proprio Fulvio Manno, unitamente al direttore sanitario aziendale Piero Bonomo e a quello del Maggiore Raffaele Elia, tra i presenti al Maggiore per la firma del contratto di Scarso, tendono a minimizzare, sostenendo semplicemente che «va tutto bene». Eppure si evincerebbe il contrario, stando alle dichiarazioni dell’onorevole Ammatuna e, soprattutto, in considerazione del recente intervento del consigliere di Forza Italia Bartolo Azzaro, che paventa la prossima cessazione dell’assistenza integrata domiciliare.

Azzaro ha proposto la votazione di un ordine del giorno in consiglio comunale per potenziare i servizi, anziché sopprimerli. Il consigliere paventa in tempi brevi l’interruzione del servizio di assistenza a domicilio per i medesimi motivi che, dal primo ottobre, costringeranno medici ed infermieri specializzati a scendere dalla ambulanze: il dimezzamento, deciso dall’assessorato regionale alla sanità, dei fondi destinati al pagamento degli stipendi degli operatori sanitari.

Azzaro aveva poi speso due parole anche per le ferie prolungate dell’otorino del nosocomio modicano. «Per tutto agosto ? dice ? non è stato possibile per i numerosi utenti fruire di una visita completa, ma solo di un controllo veloce». Le liste d’attesa però sono rimaste invariate, tranne che per il furbo di turno che, come denunciato dagli indignati utenti, dopo un sussurro veloce all’infermiere nei corridoi, scavalca chi attende magari anche da oltre un paio d’ore.

I parlamentari Leontini e Minardo, il direttore del pronto soccorso del Maggiore Scarso e il manager dell´Ausl 7 Manno

Prova commento
22/06/2011 | 14.59.00
Massimiliano Sparacino

Prova commento.