Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 735
MODICA - 13/10/2008
Attualità - Modica - Maggioranza e opposizione d’accordo

Avanti tutta con la variante
al Prg: consiglio compatto

19 dei 30 consiglieri sono compatibili con l’adozione
dello strumento urbanistico per evitare altri scempi architettonici
Foto CorrierediRagusa.it

Tutti d’accordo in consiglio comunale: si va avanti con la variante al Piano regolatore generale. Diciannove dei trenta consiglieri sono compatibili e l’iter per l’approvazione della variante riparte.

Sono d’accordo tutti i gruppi consiliari,opposizione e maggioranza, e l’intenzione, almeno quella dichiarata in aula, è di dotare la città di uno strumento urbanistico.

I disastri dal punto di vista urbanistico per la mancanza di un piano regolatore sono sotto gli occhi di tutti e soprattutto le campagne sono state invase dal cemento negli ultimi dieci anni con l’assalto finale quando si è ricominciato a parlare di Prg.

L’amministrazione vuole accelerare ed il sindaco Antonello Buscema (nella foto) ha sollecitato il consiglio a darsi da fare. « Questo Prg - ha detto il primo cittadino – non è l’ideale, ma è comunque il punto di partenza perché dobbiamo dotarci di un nuovo strumento urbanistico».

Dall’opposizione invece critiche ad amministrazione e maggioranza per i tempi entro i quali l’argomento è stato affrontato. Di fatto, ha rilevato Paolo Nigro, capogruppo Udc, il comune è commissariato perché sono scaduti i termini per affrontare l’argomento visto che sia in luglio sia il 9 settembre è stata recapitata al sindaco la notifica da parte dell’assessorato regionale al territorio ed ambiente perché il piano venisse adottato entro trenta giorni.

Tempi abbondantemente scaduti per il consigliere Nigro e comunque una mancanza della amministrazione dal punto di vista politico ma il segretario comunale ha chiarito che l’iter avviato è entro i termini pur se bisognerà chiudere entro i sessanta giorni assegnati. Per arrivare al traguardo, e sono passati 22 anni, bisognerà calendarizzare i lavori e avviare la discussione; sulla variante non c’è molto da discutere e la discussione dovrebbe arrivare subito in porto. La parola passa ora ai 19 compatibili , sarà la volta buona ?