Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 966
MODICA - 01/10/2008
Attualità - Modica - L’Ascom invoca il rispetto delle regole

Quando l´abusivimo dilaga.
Caos nei mercati rionali

A poco o nulla è valsa l’azione repressiva dei vigili annonari Foto Corrierediragusa.it

Più abusivi che autorizzati. Succede nei mercati rionali della città dove il fenomeno abusivismo tocca ormai punte molto alte. In molti casi si tratta di ambulanti che arrivano e piazzano i loro camion e la loro mercanzia senza averne alcun titolo. A poco o nulla è valsa l’azione repressiva dei vigili annonari; gli abusivi sono tanti, si mimetizzano, cambiamo posto velocemente e le poche multe comminate non riescono a debellare il fenomeno.

Succede al mercatino rionale di viale Manzoni a Modica Alta, a quello del S. Cuore che si tiene presso il piazzale antistante il polisportivo della Caitina, piazza Verrazzano a Marina di Modica. La richiesta avanzata dall’Ascom per conto degli ambulanti regolarmente iscritti all’associazione ed in regola con la normativa sul commercio ambulante parla chiaro; all’amministrazione tocca il compito , se non di debellare, almeno di arginare un fenomeno dilagante. L’Ascom inoltre chiede di istituire altri mercati rionali soprattutto nelle zone più popolate della città; in particolare al quartiere Treppiedi ed all’ex foro boario per servire meglio il centro storico.

Nessuna decisione è stata presa ancora dall’amministrazione anche se la volontà è quella di venire incontro alle richieste dell’associazione visto che i mercatini soddisfano una larga fascia della popolazione. Nell’incontro tenuto a palazzo S. Domenico il presidente Bruno Azzarelli ha inoltre sollevato il problema della lentezza nel rilascio delle concessioni da parte dello sportello unico. Altro capitolo la diminuzione del numero delle zone blu nel centro storico o in alternativa l’introduzione di altre modalità per consentire a chi fa shopping in centro di avere altre opzioni.