Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1359
MODICA - 12/09/2007
Attualità - Riparte la scuola dell’obbligo

Aule in affitto in attesa dei locali nuovi

Si dovrà attendere il 2008 Foto Corrierediragusa.it

La scuola dell’obbligo si rimette in marcia. Domani sarà avviato il nuovo anno scolastico alla Giovanni XXIII ed a S. Marta ma la maggioranza degli istituti aprirà le aule agli studenti da lunedì. Nessun nuovo edificio scolastico sarà aperto nel corso dell’anno; è questo il dato statistico che appartiene alla scuola dell’obbligo.

Diversi i progetti in cantiere ma la loro realizzazione è rimandata al 20082009. Per questo anno dirigenti, famiglie, docenti ed alunni si dovranno accontentare di una edilizia scolastica che presenza molte aule in affitto in edifici adattati alla meglio a locali scolastici. Il caso più pesante è quello della materna di S. Elena chiusa nel corso dello scorso anno per problemi strutturali. Le cinque aule necessarie per accogliere i bambini sono state affittate nella zona di S. Giuliano Macallè per alleviare i disagi delle famiglie in attesa che venga realizzato il progetto del nuovo edificio.

« Contiamo di avere la disponibilità della nuova scuola con il prossimo anno solare ? dice l’assessore alla P.I. Giovanni Frasca ? L’impresa si è impegnata ad accelerare i tempi al massimo ma per questo prima fase dell’anno dobbiamo accontentarci con locali che non sono certamente ideali».

Altro progetto in lista di attesa è quello della scuola media Giovanni XXIII ,un parte della quale è stata dichiarata inagibile con il conseguente trasferimento delle classi al PalaAzasi. Da due anni dieci classi sono ospitate nell’edificio già sede dell’Azasi ed il progetto è ancora da approntare « E’ stata fatta molta confusione ? afferma l’assessore Frasca ? L’amministrazione non è stata coinvolta, la protezione civile ha ritardato e non abbiamo ancora un progetto».

Al Dente funzioneranno cinque classi presso l’ex villa Cascino dopo la chiusura della precedente sede mentre per S. Marta sono state reperite tre aule presso la sede dell’ex centro giovani. Le situazioni migliori appaiono quelle del centro storico, di Frigintini e Modica Alta dove tuttavia l’ex asilo di via Loreto deve essere ancora ristrutturato per trasferire classi sparse in contrada Mauto. Anche a Treppiedi Sud è previsto un ampliamento della materna ed elementare ma il progetto è da affidare; per quest’anno situazione stazionaria rispetto a quello passato ma con possibilità di recupero e miglioramento, ma bisognerà attendere.