Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 380
MODICA - 13/08/2016
Attualità - La denuncia dei residenti

Strade "scerbate" ma insozzate al polo commerciale

Non proprio un bel biglietto da visita per i turisti Foto Corrierediragusa.it

A Modica, si sa, "scerbare" le strade è ormai diventata una parola d´ordine. Da anni non si assisteva a questa certosina opera di scerbatura delle arterie, liberando i cigli stradali migliorando la visibilità degli automobilisti. Niente di male, per carità, anzi. Ma proprio a proposito di visibilità, proprio gli stessi automobilisti e i residenti preferirebbero non vedere i cumuli di rifiuti che insozzano le aree "scerbate", vanificando la capillare "opera". Tutto questo succede in particolare lungo la ex statale 115 che attraversa tutto il polo commerciale e ogni giorno percorsa anche da autobus pieni di turisti, agli occhi dei quali il pattume accumulato nelle aree "scerbate" non costituisce di certo un bel biglietto da visita. Ma a Modica la coerenza è un optional. Ripulire certe zone dalle erbacce, questo sì, ma liberarle pure dalla spazzatura non se ne parla proprio! E così cartacce, plastica e altri rifiuti fanno brutta mostra ai bordi della carreggiata perchè la conclusione che se ne trae, da questa vicenda, è che a Modica si devono pulire le strade la strada dell´erba selvatica, ma non dalla spazzatura. La stessa cosa avviene per i canaloni dove dovrebbe scorrere l´acqua in caso di pioggia: viene tagliata l´erba ma non viene rimossa l´immondizia che c´è all´interno. "Misteri" di palazzo San Domenico.

Nella foto la spazzatura ai bordi della ex statale 115 al polo commerciale dopo la scerbatura