Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 863
MODICA - 13/09/2008
Attualità - Modica - Dopo la sentenza del Cga favorevole alla vecchia impresa

Il servizio di raccolta rifiuti passerà dalla Busso all´Agesp

La giunta è pronta a dar seguito al passaggio di consegne Foto Corrierediragusa.it

Come se non bastassero i problemi legati alla raccolta dei rifiuti solidi urbani con gli operatori ecologici sul piede di guerra per i mancati emolumenti, la vicenda del’igiene urbana in città si arricchisce di un nuovo capitolo. L’attenzione è ora sul ruolo dell’Agesp, l’impresa di Castellamare del Golfo che si è vista riconosciuto dal consiglio di giustizia amministrativo di Palermo il diritto ad aggiudicarsi l’appalto conferito alla Busso nello scorso Ottobre.

Molti gli interrogativi che l’applicazione della sentenza, non ancora notificata a palazzo S. Domenico, pone. Chi pagherà infatti i danni per la mancata aggiudicazione della gara alla Agesp una volta che il Cga ha riconosciuto all’impresa tutti i titoli per continuare a svolgere il servizio in città ? Quale sarà l’aggravio per il comune di Modica e soprattutto dove troverà i soldi l’amministrazione per soddisfare le richieste economiche che l’Agesp avanzerà per il danno subito ?

La sentenza era attesa a palazzo S. Domenico ed i legali dell’ente temevano per l’esito positivo del ricorso dell’Agesp tanto che qualcuno lo dava già per scontato. Ora si riparte dall’Agesp e bisognerà trovare i tempi per un passaggio non traumatico da un gestore del servizio all’altro. L´amministrazione si sta dando da fare per arrivare in tempi brevi al passaggio di consegne della gestione del servizio di raccolta dei rifiuti all´Agesp da parte della Busso. Quest´ultima impresa tuttavia non starà con le mani in mano, probabilmente si appellerà e comincerà un ulteriore fase di questa vicenda. In mezzo i lavoratori che sono senza stipendio, senza certezze per il futuro e sono sballottati da un gestore all’altro.