Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1360
MODICA - 16/07/2016
Attualità - Tiene banco la vicenda dei locali

Musumeci: "Evitare danni al liceo"

"Non si deve perdere ulteriore tempo" Foto Corrierediragusa.it

«Il Governo regionale intervenga con urgenza per permettere al Liceo artistico "Galilei - Campailla" di Modica di avere locali idonei all´attività didattica, scongiurando di smembrare l’istituto in più plessi». Lo dichiara l’esponente dell´opposizione all´Ars Nello Musumeci (foto), che ha presentato, insieme ai deputati del Gruppo Lista Musumeci, Formica e Ioppolo, un’interrogazione al Presidente della Regione e all’assessore all’Istruzione, per sottolineare la grave situazione del liceo artistico, che in occasione del prossimo anno scolastico potrebbe subire pesanti disagi. «Disdetto il contratto di affitto dei locali della ex Gensal, dove era allocato l´Istituto, per mancanza di fondi – sottolinea Musumeci – il Libero Consorzio, con le limitate risorse disponibili non riesce a trovare una struttura idonea in cui ospitare sia le classi che la palestra e i laboratori didattici. Una condizionale grave e purtroppo non casuale, perché con la cosiddetta riforma delle province e con il susseguente e continuo tourbillon di leggi istitutive, si sono create pesanti discrepanze. E uno dei settori su cui maggiormente pesa tale incredibile situazione è proprio l´edilizia scolastica degli istituti superiori».

«Il rischio reale - conclude Musumeci – è, come ha dichiarato il dirigente scolastico del Liceo artistico di Modica, di avere le classi distribuite a macchia d´olio in altre scuole, senza potere usufruire nè della palestra e neanche dei laboratori, che sono fondamentali per lo svolgimento dei programmi scolastici e per queste ragioni occorre dunque intervenire subito».