Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 964
MODICA - 13/07/2016
Attualità - Non è ancora dato sapere se diventerà un albergo o un complesso residenziale

A Punta Regilione edificio multipiano, M5S interroga

Il Movimento si è fatto interprete dei malumori che circolano e ha posto precise domande al sindaco Foto Corrierediragusa.it

Un edificio multipiano cresce alle spalle delle dune di Marina di Modica (foto). Non è ancora dato sapere se diventerà un albergo o un complesso residenziale ma sta di fatto che l’impatto ambientale è notevole visto che struttura sorge proprio a ridosso delle dune e ed è ben visibile dalla spiaggia. Il Movimento 5 Stelle si è fatto interprete dei malumori che circolano nella frazione e ha posto precise domande al sindaco al fine di dissipare i tanti dubbi esistenti.

Scrivono in una nota i pentastellati: «Non si comprende cosa stia accadendo a Punta Regilione, visto che c’è un’intera zona delle dune composta di sabbia e rifiuti, per non parlare dell’enorme cementificazione in atto. Insomma, agli occhi dei passanti si presenta uno stravolgimento totale del paesaggio naturale preesistente. Come se non bastassero gli scempi del passato, si continua, purtroppo, su una strada ai nostri occhi sbagliata, che non rispetta l’ambiente e neanche la naturale vocazione turistica dei nostri territori. Anziché valorizzare le nostre bellezze naturalistiche, forte richiamo per turisti e visitatori, si persegue invece la vecchia strada della cementificazione, i cui danni del passato sono ancora oggi evidenti sotto i nostri occhi. Così mentre in alcune città virtuose si procede all’abbattimento di ecomostri che deturpano i paesaggi, a Modica si continua a cementificare, oggi sulle dune di Marina di Modica, ieri sulla collina dell’Itria, ieri l’altro sul letto del torrente, come nello scandaloso caso della costruzione al quartiere Vignazza. Ciò che ci preoccupa è che quasi tutte le forze politiche e sociali della città, al riguardo, non hanno speso una sola parola su quanto di grave sta accadendo nella nostra città. Ciò che pure ci preoccupa è che tutti questi scempi hanno avuto rilasciate le necessarie autorizzazioni da tutti gli Enti coinvolti. Ma, ci chiediamo e chiediamo, non è strano tutto ciò?»