Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 825
MODICA - 15/05/2016
Attualità - Dello straordinario gesto di solidarietà si sono occupati tutti i media nazionali

Commuove l’Italia l’atto d’amore dei genitori di Giovanni, morto a 7 anni. Al via la raccolta fondi per acquistare una termoculla

Un segnale tangibile di gratitudine in un momento di profondo dolore Foto Corrierediragusa.it

Ha commosso l’Italia intera l’atto d’amore dei genitori del piccolo Giovanni, che hanno donato all’ospedale «Maggiore» di Modica le 900 euro raccolte al funerale del loro bambino, morto ad appena 7 anni nel reparto di pediatria, dove si trovava ricoverato da tempo. I media nazionali hanno dato ampio risalto a questo straordinario gesto di solidarietà concepito, in un momento di estremo dolore, per il futuro di altri bambini che, pur soffrendo, hanno ancora una chance di vivere, la stessa che non è stata invece concessa al piccolo. Salvatore e Valeria, 37 anni lui, 30 lei, ovvero i coraggiosi genitori del bambino, qualche giorno dopo i funerali celebratisi lo scorso 24 aprile a Ispica, dove la famiglia vive in via Monreale, si sono presentati nel reparto di pediatria dell’ospedale modicano con una scatola in mano: conteneva 900 euro, ovvero la somma raccolta durante l’ultimo saluto al loro bambino. Con quei soldi, mamma e papà hanno voluto che si acquistasse un’attrezzatura medica, per onorare la memoria del figlioletto e per ringraziare il personale medico e paramedico, che si è speso fino all’ultimo nel tentativo di strappare Giovanni alla morte.

E’ il regalo dei genitori del piccolo Giovanni, il cui pellegrinaggio da un ospedale all’altro è durato 4 lunghi anni. Un calvario cominciato nel 2012, quando il bambino rimase vittima di un incidente domestico, cadendo nel vuoto da un altezza di circa 6 metri, dopo essere precipitato dalla tromba delle scale nella casa di famiglia. Nel terribile impatto al suolo il bimbo riportò fratture, lesioni e, quel che è peggio, una terribile botta alla testa che lo ridusse a poco più di un vegetale. Da allora, difatti, il piccolo Giovanni non si è mai più svegliato dal coma, anche se la speranza è rimasta in vita fino all’ultimo.

LA RACCOLTA FONDI PER LA TERMOCULLA
Una raccolta fondi per l’acquisto di una termoculla di ultima generazione per il reparto di pediatria dell’ospedale «Maggiore» di Modica. E’ l’atto d’amore dei genitori del piccolo Giovanni. Giungono da tutta Italia le richieste di donazione per l’acquisto dell´attrezzatura medica. Si potrà donare un contributo sul conto corrente bancario che sa-rà aperto nelle prossime ore e gestito dalla famiglia del piccolo Giovanni. L’obiettivo è quello di raccogliere 15 mila euro per l’acquisto della termoculla di ultima generazione per il reparto di pediatria, dove il bambino ha trascorso gli ultimi istanti della sua breve vita. Un atto d’amore, che, come evidenzia il direttore sanitario dell´ospedale "Maggiore" Piero Bonomo, ha dunque risvegliato le coscienze, quello di mamma Valeria e papà Salvatore, in memoria di Giovanni, il loro piccolo, grande guerriero.

Chiunque volesse effettuare una donazione può farlo tramite bonifico bancario su conto corrente Montepaschi di Siena, agenzia di Scicli, specificando nella causale "Il regalo di Giovanni": il codice Iban è IT54S0103084520000001235026. Come accennato, il conto è gestito dai genitori di Giovanni, i quali, come noto, hanno già donato 900 euro.