Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1075
MODICA - 14/05/2016
Attualità - Appello a quanti vivono negli Iblei quali potenziali donatori

A Grazia serve un trapianto di midollo

Per info su donazione di midollo osseo si può contattare il centro Avis di Ragusa ai numeri 0932 600000 o 0932 600002 Foto Corrierediragusa.it

Ci mette il nome e la faccia la 30enne modicana piena di speranza e voglia di vivere che ha bisogno di un trapianto urgente di midollo osseo, come reso noto lo scorso aprile dai familiari, in particolare dal papà, con un toccante appello suo media. Il padre di Grazia Vernuccio, questo il nome della donna (foto), aveva diramato l’appello all’insaputa della figlia, che solo da pochi giorni ha scoperto tutto, decidendo di uscire allo scoperto e di scrivere una lettera aperta, commossa per l’ondata di calore e solidarietà arrivata da centinaia di persone e potenziali donatori. Tuttavia non è stato ancora trovato un donatore compatibile di midollo osseo. Grazia Vernuccio è affetta da leucemia linfoblastica acuta. Solo pochi mesi fa Grazia ha scoperto di essere affetta da questa rara malattia. Una patologia definita «pediatrica», data la forte incidenza nei bambini colpiti da questa forma di leucemia, che raramente si presenta dopo i 29 anni, come invece accaduto alla giovane modicana. La donna, alla fine del 2015, decise di fare un controllo di routine, un´ecografia che mette in luce dei linfonodi anomali. Da qui gli esami specialistici e la terribile diagnosi riscontrata. Una storia drammatica, l´inizio di un calvario che da mesi vede ricoverata la giovane in un ospedale lombardo con la sua famiglia per lunghi e pesanti cicli di chemioterapia. Grazia ha dovuto rinunciare al lavoro e agli studi universitari. La leucemia linfoblastica acuta è un tumore ematologico che prende origine dai linfociti, un tipo particolare di globuli bianchi, nel midollo osseo ed è caratterizzata da un accumulo di queste cellule nel sangue, nel midollo e in altri organi. Si tratta quindi di una forma di leucemia, che, nella fase acuta che sta interessando la giovane donna, lascia poche possibilità di sopravvivenza. L´unica speranza è il trapianto di midollo osseo. Purtroppo nessun componente della famiglia della giovane è compatibile e ad oggi, nonostante le ricerche dell´ospedale in cui è ricoverata, non risultano donatori compatibili negli elenchi nazionali.

Grazia Vernuccio, come accennato, ha scritto una lettera aperta che vi proponiamo di seguito:

«Sono commossa. La solidarietà è stata tanta, i telefoni dell’Avis suonavano e suonano in continuazione. Sono orgogliosa della mia città, dei modicani, e delle tantissime persone della provincia di Ragusa che si sono mobilitate. Sono rimasta senza parole, grazie di cuore. Mi sono già sottoposta a 4 cicli di chemio, dopo il secondo ciclo mi è stato comunicato che la mia malattia è in remissione. Tuttavia mi è anche stato detto che in ogni caso necessito di un trapianto di midollo osseo proprio per evitare che per la sua aggressività si ripresenti nuovamente. Solo questo potrà permettermi di tornare alla mia vita quotidiana mentre, al momento, tra un ciclo e l’altro riesco solo ad assaporarne qualche attimo. Questo tipo di malattia è particolarmente aggressivo sia dal punto di vista fisico che psicologico. Le chemio possono aiutare ma sicuramente non migliorano la qualità di vita della persona malata e per poter uscire dal «tunnel», sia Sara che chiunque viva la sua stessa identica realtà, necessità l’aiuto di un «fratello» compatibile, purtroppo le possibilità di poterlo trovare sono basse circa 1 su 100 mila.

Purtroppo questa malattia colpisce indistintamente e senza una ragione, ognuno di noi potrebbe avere bisogno di una compatibilità che gli salvi la vita, ad oggi poche sono le persone che hanno dato la propria disponibilità a questo. Spero tanto che tutti trovino il coraggio per essere gli eroi di qualcuno e di diventare donatori effettivi, più sarete a tipizzarvi e maggiori saranno le possibilità.
Diventare donatori di midollo osseo è semplicissimo e gratuito per chi ha un età compresa tra i 18 e 35 anni infatti le spese sono a carico del servizio sanitario nazionale, mentre per chi volesse in ogni caso tipizzarsi dovrà recarsi dal proprio medico di base, farsi fare una richiesta di tipizzazione e pagare un ticket di circa 80 euro. Basta un semplice prelievo del sangue per capire se si è compatibili, dopo di che ci sono due modalità per poter donare: tramite prelievo di cellule staminali da sangue periferico o prelievo di cellule staminali midollari e, ovviamente si tratta di due procedure che non comportano alcun rischio per il donatore, ma che, credetemi, si tratta di un grande gesto d’amore per chi lo fa e per chi lo riceve.

Non esitate a contattare il centro Avis per qualsiasi dubbio o chiarimento, potete collegarvi anche sul sito Admo. Io nel frattempo continuo a lottare e a costruire il mio futuro che mi vedrà presto sposa al mio grande amore. Lui che in questi 8 anni ha condiviso con me vita e malattia. Lui che mi da ogni giorno tanta forza, insieme alla mia famiglia. E mentre fantastico sul mio futuro aspetto che uno di questi giorni i medici vengano e mi comunichino finalmente che è stato trovato un donatore compatibile al 100%.

Grazia Vernuccio


Vale quindi ora più che mai quindi l’appello a tutti coloro che vivono in territorio ibleo, soprattutto tra Modica, Ragusa, Comiso e Vittoria, affinché si rechino al centro trasfusionale Avis di Ragusa, dove i sanitari conoscono il caso, o nei centri Avis di Modica e Vittoria. Con un semplice prelievo di sangue, che è completamente a carico del servizio sanitario, si può scoprire se si è donatori compatibili. Un atto coraggioso e di estremo altruismo per far rinascere una vita che rischia di spegnersi a breve.

Per informazioni sulla donazione di midollo osseo si può dunque contattare il centro Avis di Ragusa ai numeri 0932 600000 o 0932 600002.