Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 664
MODICA - 02/09/2008
Attualità - Modica - Vanno a rilento le operazioni di consegna a domicilio

I messi notificatori si danno malati: e le bollette dell´acqua?

L’assessore Sammito non demorde: "Serve sensibilizzazione" Foto Corrierediragusa.it

Procedono a rilento le notifiche delle bollette per i ruoli arretrati relativi all’acqua. La gran parte dei dipendenti comunali ai quali, dopo un mini corso di specializzazione, è stata conferita la qualifica di messi notificatori, pare stia procedendo «al ralenti». Alcuni di questi dipendenti si sono già messi in malattia. La circostanza è stata accertata, suo malgrado, dall’assessore al personale Peppe Sammito (nella foto).

«E’ fin troppo evidente ? dichiara l’amministratore ? che non ci si è resi conto dell’importanza di questa operazione, volta ad individuare le numerose sacche d’evasione per il pagamento dell’acqua, dalla quale sono scaturiti i mancati introiti per l’ente». Sammito, da autentico gentleman, preferisce glissare sull’atteggiamento ambiguo assunto dai dipendenti, proponendosi di «procedere ad una ulteriore sensibilizzazione per velocizzare i tempi di notifica dei ruoli agli interessati, al fine di incamerare il prima possibile le somme spettanti al comune».

Un atteggiamento fin troppo morbido? Può darsi. Ma pare che a palazzo San Domenico, nonostante la crisi nera che sta agonizzando l’ente, si preferisca non esasperare i toni. Lo stesso assessore al personale, in riferimento alle lamentele più volte espresse da privati cittadini e non solo, su una presunta incompetenza, se non addirittura accidia, mostrata da alcuni dipendenti comunali nei rispettivi uffici, preferisce non parlare di pugno di ferro.

«Diciamo ? aggiunge Sammito ? che stiamo procedendo ad effettuare dei controlli, come già sta avvenendo anche in altri settori. Laddove venissero riscontrate le situazioni paventate da più parti, si procederà con gli opportuni provvedimenti». Che sia davvero l’inizio di una nuova era a palazzo San Domenico? Solo i fatti potranno sciogliere questo interrogativo.