Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 988
MODICA - 27/04/2016
Attualità - La zona del quartiere San Paolo soffre ancora di problemi idrici

Senza acqua nelle case dopo oltre un mese a Modica: esposto in procura?

Pare che la mancanza d’acqua sia stata causata da oltre un mese da manovre non consone alla rete idrica, e alla obsolescenza delle tubature
Foto CorrierediRagusa.it

Stanno valutando la possibilità di presentare un esposto in procura per interruzione di pubblico servizio i residenti di via Correri e di altre zone del quartiere San Paolo ancora privi di acqua corrente da più di un mese nonostante i lavori in corso per ovviare al grave problema di approvvigionamento idrico. Le strade sventrate dagli scavi per trovare e riparare le perdite e convogliare l’acqua nella giusta direzione non hanno finora sortito gli effetti voluti (foto). La ditta che si sta occupando della questione è riuscita finora a riportare l’acqua nei rubinetti di alcune fortunate abitazioni, ma non in tutte. Pure il rifornimento tramite autobotti risulta difficoltoso a causa della tortuosità di vicoli e strade, inaccessibili ai mezzi pesanti. E così i residenti, in buona parte anziani, patiscono disagi quasi da terzo mondo e sono costretti a fare la spola, carichi di bidoni e bottiglie piene d’acqua, almeno per far fronte ai bisogni primari quotidiani, razionando il prezioso liquido per cucinare o per lavarsi. Nessuna risposta certa in merito ad una definitiva risoluzione della problematica è finora arrivata, nonostante da palazzo San Domenico abbiano per ben due volte comunicato il contrario, puntualmente smentiti dai fatti, come confermato da alcuni residenti che hanno segnalato la problematica, in particolar modo quelli di via Correri, e che di conseguenza, come accennato, meditano di rivolgersi alla procura tramite un legale di fiducia che rappresenti e tuteli gli interessi della collettività.

Pare che la mancanza d’acqua sia stata causata da oltre un mese da manovre non consone alla rete idrica, e alla obsolescenza delle tubature, in larga parte colabrodo. Numerose e copiose perdite insistono difatti in città, una delle quali riparata qualche giorno fa in via Tirella, che poteva costituire una concausa della carenza idrica nella vicina via Correri e zone limitrofe.