Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1044
MODICA - 02/04/2016
Attualità - Quei contributi elargiti con criteri poco trasparenti

Beato chi ha "Santi a Frigintini", tutti gli altri si arrangino!

E’ chiaro che il sindaco vede ben oltre i nostri limitati orizzonti Foto Corrierediragusa.it

Il sindaco ha un talento innato, questo glielo si deve riconoscere, nello spendere i soldi con fin troppa leggerezza e secondo criteri non proprio trasparenti che tendono evidentemente a privilegiare «amici» compiacenti, nella fattispecie alcune testate «vicine» (ad essere eufemistici) alla linea politica dell’amministrazione. E così accade che con la determina n. 817 del 25 marzo 2016, il comune di Modica, con denaro rigorosamente pubblico che esce direttamente dalle tasche dei contribuenti, abbia inteso promuovere, assicurando la massima diffusione (almeno sulla carta), la manifestazione folkloristica e religiosa della Madonna Vasa Vasa 2016. Nel dettaglio, il buon sindaco ha concesso un contributo, o meglio, un corrispettivo (come citato nella determina), a tre emittenti televisive locali (due di Modica ed una di Ragusa) e a soli due siti online. Pare che queste testate «fortunate» abbiano saputo a tempo di record di un bando per pochi, non per tutti, che non a caso li ha visti come unici beneficiari dei contributi. La nostra testata ovviamente non era compresa (il sindaco, come da egli stesso ribadito in una recente seduta del consiglio comunale, la considera troppo «politica») ma il punto non è questo. Il nodo è che simili bandi devono essere resi noti a tutti e l’entità dei contributi determinata sulla base della tiratura, della copertura e della popolarità di una testata. Appaiono invece fin troppo chiari quali siano i «criteri alternativi» usati dal sindaco per la concessione dei contributi a pochi, non a tutti. Ne prendiamo atto così come fatto da altri media, uno in particolare, il cui «incazzamento» non è passato inosservato ai più «acuti» osservatori. Le domande sorgono spontanee: come si fa a garantire massima visibilità ad una manifestazione quando non si tengono in considerazione tutte le testate e, cosa ancora più assurda, si elargiscono soldi ad una emittente televisiva che copre a macchia di leopardo il territorio ibleo e che al di fuori di tali confini non esiste proprio? Mistero! Ma il sindaco vede ben oltre i nostri limitati orizzonti, e, con il suo cervello fino, una ne pensa e cento ne fa. Come i nostri lettori avranno notato, in ogni caso abbiamo doverosamente dato ampio risalto alla Madonna vasa vasa, come sempre fatto in passato e come sempre faremo, senza bisogno alcuno degli «incentivi» del sindaco. Ma è in primis una questione di principio, perchè il particolare modo di agire non è limitato a questa circostanza, purtroppo. Insomma, beato chi ha «Santi a Frigintini» e tutti gli altri si arrangino!