Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 859
MODICA - 14/03/2016
Attualità - Gli Stati generali ospitati dalla Fondazione Grimaldi

Modica si interroga sul suo futuro turistico "Ensemble"

Una giornata intensa di incontri con tre tavoli tecnici e oltre 50 partecipanti Foto Corrierediragusa.it

Consorzio Turistico e Fondazione Grimaldi hanno organizzato gli Stati Generali del Turismo, con l´ obiettivo di "ascoltare" gli operatori del settore ed avviare alcune linee strategiche di rilancio dell´Offerta turistica nell´area iblea. Le relazioni introduttive di Vincenzo Asero (docente di Economia del Turismo nell´ Ateneo di Catania), Ray Bondin (massimo esperto delle politiche culturali Unesco) e di Giuseppe Barone (presidente della Fondazione Grimaldi) hanno avuto il compito di fornire il quadro legislativo e finanziario della Regione nonchè quello di aprire una riflessione critica con gli attori locali. I partecipanti si sono poi divisi in tre gruppi di lavoro: il primo dedicato ai servizi e all´accoglienza, il secondo ai Grandi Eventi e ai Beni Culturali, il terzo centrato sulla promozione e comunicazione. Il dibattito finale ha visto riunirsi ancora tutti i partecipanti (oltre 50) per una valutazione collettiva del lavoro proficuo svolto durante un´ intera giornata.

La prima parola-chiave è abbattere l´individualismo e costruire una "rete" di relazioni e programmi tra le città del Sud-Est. I prossimi incontri dovranno coinvolgere in modo più ampio istituzioni e imprese di altre città. Il secondo obiettivo comune è quello delle infrastrutture e della mobilità. Gli attori hanno convenuto che "Senza autostrade e strade decenti, con un aeroporto piccolo e senza management adeguato, con un porto come Pozzallo ridotto ad approdo dei migranti, senza trasporti pubblici e privati, con una segnaletica da quarto mondo non si va da nessuna parte".

Il terzo "punto di forza" è stato individuato nell´Offerta Turistica Integrata che il Consorzio deve elaborare attraverso un programma di Grandi Eventi da spalmare nel corso dell´anno. Le iniziative dovranno essere coordinate su scala intercomunale ed avere come comune denominatore il marchio Unesco. Per Modica, Ragusa, Scicli, Noto, Palazzolo Acreide, Siracusa, si tratta dunque di una sfida che si può vincere sulla base di una condivisione di calendari e progetti con ricadute economiche e sociali reciproche.