Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 693
MODICA - 02/03/2016
Attualità - Incontro tra il sottosegretario Bianchi ed il parlamentare ibleo Minardo

Archivio di Stato salvo a Modica e soldi a Cava Ispica

Un vertice proficuo per il bene del territorio ibleo Foto Corrierediragusa.it

Risultanze importanti dall’incontro al Ministero dei beni culturali con il Sottosegretario di Stato, Dorina Bianchi, su iniziativa dell’on Nino Minardo (foto) per affrontare due questioni che riguardano la città di Modica. Recuperato il progetto di 6 milioni di euro e confermata la base d’asta per la valorizzazione e riqualificazione dell’importante sito di Cava Ispica che ingiustamente era stato escluso dall’elenco dell´Organismo Intermedio del Poin e dell´Autorità Responsabile del Piano di Azione e Coesione che prevede appunto risorse per i luoghi delle città Unesco di rilevante valenza culturale. Salvo anche l’Archivio di Stato di Modica e la sua storia da eventuali futuri accorpamenti con altre sedi, considerata la valenza storica e l’importanza del materiale contenuto che è di costante interesse per gli studiosi che arrivano in città. La proposta è stata quella di far si che il comune si faccia carico del fitto (circa 12 mila euro l´anno) e doti l´istituzione di altre sue unità di personale per un servizio più efficiente. Presto infatti ci sarà un nuovo incontro, prettamente tecnico, per la firma di una convenzione che prevede gli oneri a carico del comune per il fitto. "Un incontro proficuo per il quale ringrazio Dorina Bianchi - dice Nino Minardo - che presto ospiteremo a Modica, il prossimo 14 Maggio, per una strategia di rilancio del patrimonio culturale e turistico del sud est siciliano che preveda la costante e fattiva presenza del governo a sostegno sia degli enti locali che dei tanti operatori privati del settore".