Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 937
MODICA - 01/03/2016
Attualità - Versione "in notturna" che si affianca alla festa tradizionale

Madonna vasa-vasa più "baciosa"

Le motivazioni del parroco sulla scelta inusuale Foto Corrierediragusa.it

Baci, baci, baci. Di giorno e di sera, sarà una domenica di Pasqua «baciosa». Il comitato dei festeggiamenti per la Madonna Vasa-Vasa non si accontenta più dei tre baci che il Risorto e la Madonna si scambiano prima in piazza Municipio, poi davanti alla chiesa di s. Pietro e infine sul sagrato della chiesa di S. Maria. L’edizione 2016 avrà un’edizione diurna e poi una in notturna dopo la messa delle 19 a S. Maria. Invece di soli tre baci del mezzodì i simulacri se ne scambieranno altri tre. Baci sotto le stelle, uno in piazza Rizzone, uno davanti alla Madonna delle Grazie e uno in piazza Matteotti con relativo spettacolo pirotecnico. Il parroco di S. Maria, Don Antonio Forgione, ha cercato di spiegare il perché del cambiamento: «Questo è un momento particolare per la Chiesa che vive il suo Anno Santo. Per questo motivo abbiamo deciso di regalare ai modicani, ma anche ai numerosi turisti che vengono nella città della Contea da ogni parte del mondo per assistere alla Madonna Vasa Vasa, una festa ancora più grande e speciale. Ogni anno infatti cerchiamo di aggiungere delle novità pur mantenendo intatta la tradizione di una festa che è l’unica in Sicilia che mette al centro la figura della Madonna essendo Modica una città dal forte culto mariano». Il parroco resta così «vittima» consapevole di un’operazione di marketing all’insegna della necessità rinnovamento del prodotto «Vasa-Vasa» trattando Cristo e Madonna alla stregua di un detersivo o di un capo d’abbigliamento dimenticando che ogni piccola incursione su tradizioni secolari e radicate nel contesto culturale e sociale è delicata e pertanto deve essere somministrata a piccole dosi e soprattutto senza tenere in mente gli interessi turistici, anche perchè un parroco non fa il tour operator e si può solo compiacere della presenza dei visitatori ma certamente non assecondarla passando sopra a ben altri valori. La Madonna Vasa Vasa ha il suo fascino, il suo mistero, la sua religiosità perché così è, è stata ed è stata tramandata. Non si tratta né di conservazione aprioristica né di chiusure al nuovo ma solo di rispetto dell’identità di una città.


Cattolici come Renzi.
02/03/2016 | 15.59.37
Luigi

....mi spiace che la Chiesa ceda alla tentazione dello Spettacolo. In cerca di spettatori senza minimamente mettere in discussione i comportamenti delle persone. Non mi dilungo. Spero poche parole, quelle giuste!


bella iniziativa ed innovativa
01/03/2016 | 20.47.10
cittadino

E’ una bella iniziativa (ed innovativa) che potrebbe essere ripetuta negli anni successivi, facendola valorizzare al pari della festa patronale di San Pietro o quella di San Giorgio. Poi se abbinassero una Sagra alimentare (ad esempio del pane, o altro similare) o in concomitanza di quelle esistenti (ad esempio: casa delle farfalle) sarebbe il massimo.
Spero il Comune di Modica sia partecipe anche alle prox edizioni.