Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 609
MODICA - 01/03/2016
Attualità - La funzione è stata presieduta dal vescovo Mons. Staglianò

Chiesa colma di fedeli per Fra Antonello

Una grande festa per un atteso evento
Foto CorrierediRagusa.it

Una chiesa stipata di fedeli ha dato il saluto al nuovo parroco di S. Pietro. Padre Antonello Abbate si è insediato ufficialmente quale nuovo parroco della parrocchia di S. Pietro e di S. Paolo dopo la lettura della bolla vescovile letta sull’altare maggiore all’apertura della funzione religiosa dal cancelliere della Curia vescovile Don Antonio Forgione. La funzione è stata presieduta dal vescovo, Mons. Antonio Staglianò, e vi hanno partecipato i presbiteri e i parroci di tutta la città. Frate Antonello Abbate succede a Mons Corrado Lorefice che è stato nominato arcivescovo di Palermo lo scorso 5 dicembre. Il vescovo ha dato il saluto ufficiale al nuovo parroco, la cui scelta è stata a lungo ponderata per la delicatezza dell’incarico. Il vescovo ha evidenziato il ruolo delicato delle parrocchie nel tessuto della diocesi e ha invitato tutta la comunità ad essere vicina alla nuova guida di S. Pietro. Il direttore diocesano della Caritas, Maurilio Assenza, ha ricordato nel suo intervento di saluto a nome dei parrocchiani la figura di Don Matteo Gambuzza, di don Carmelo Lorefice e da ultimo di Don Corrado Lorefice che, ognuno con le loro caratteristiche, sono stati esempi e guida.

«C’è gioia per padre Antonello – ha detto Maurilio Assenza - A lui apriamo i nostri cuori ed abbiamo affetto sincero. La nostra è una parrocchia che cresce e lui ci aiuterà in questo percorso». Ha concluso il neo parroco con parole semplici affermando di volere cercare il legame vero con le persone e di sentire la grande responsabilità del suo incarico anche per l’eredità lasciata da don Corrado Lorefice.