Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 698
MODICA - 24/02/2016
Attualità - Una delegazione Cna ha chiesto di accelerare la redazione del progetto esecutivo

Ampliamento zona artigianale, fondi a rischio

A disposizione un milione 200 mila euro grazie alle risorse ex Insicem Foto Corrierediragusa.it

La Cna ha chiesto all’amministrazione comunale di accelerare l’ampliamento della zona artigianale di Michelica. Una folta delegazione dell´organizzazione ha incontrato sindaco e giunta a palazzo S. Domenico ed il presidente Giovanni Colombo (foto) ha manifestato la preoccupazione per la mancata predisposizione del progetto esecutivo per l’insediamento di nuovi lotti. Il progetto ha già un finanziamento di un milione 200 mila euro ma non è stato predisposto nonostante da tempo la questione sia sul tavolo. La delegazione Cna ha chiesto la massima celerità nell’invio del progetto esecutivo all’organismo di garanzia per evitare che quest’ultimo possa procedere all’eventuale revoca del finanziamento e all’assegnazione dei fondi ad altri Comuni. In relazione poi alle somme derivanti dai ribassi d’asta, pari a circa un milione di euro, il sindaco ha manifestato la propria disponibilità ad impegnarli per un progetto di ampliamento della zona artigianale, accogliendo anche la proposta della Cna di valutare l’ipotesi di un allargamento lungo le aree libere perimetrali non di proprietà comunale, per le quali si dovrebbe procedere ad esproprio, in modo tale da consentire a molte imprese modicane di poter trovare una giusta collocazione per far crescere la propria attività. «La Cna territoriale di Modica – dice il presidente Colombo – vigilerà sugli impegni assunti rimanendo disponibile al confronto con l’Amministrazione comunale al fine di procedere spediti verso un concreto impiego dei fondi ex Insicem da troppo tempo fermi e non impiegati».