Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 745
MODICA - 21/02/2016
Attualità - Dura nota di critiche per l’atteggiamento del sindaco e dell’amministrazione

Cooperative senza stipendio a Modica, protesta M5S

Interessati tutti i servizi tra cui quello particolarmente delicato dell’assistenza ai bambini disabili Foto Corrierediragusa.it

Cooperative sociali senza stipendio da ottobre. Sono cinque mesi che gli addetti, in particolate quelli che si occupano di assistenza ai bambini diversamente abili nelle scuole, sono in attesa degli emolumenti. Il servizio, avviato in coincidenza con l’inizio del nuovo anno scolastico, è stato finora svolto praticamente gratis ma con grave ripercussioni sui lavoratori. L’amministrazione non ha trovato ancora le risorse e la mancata approvazione del Bilancio 2015, da parte del consiglio comunale, ha complicato lee cose. A difesa dei lavoratori è sceso il M5S con una dura nota: «

Desideriamo deplorare l’atteggiamento del sindaco Ignazio Abbate che continua a sperperare fondi a destra e a manca ma, nello stesso tempo, a lasciare a secco chi garantisce i servizi essenziali in città, come quello nei confronti dei bambini diversamente abili. Uno strano comportamento quello del sindaco il quale, va dicendo che il Comune di Modica non ha alcun problema finanziario, salvo poi lasciare, da ottobre dello scorso anno, tante famiglie e i bambini diversamente abili letteralmente in mezzo alla strada. Si continua, da un lato, a sperperare fondi a luci, contributi e quant’altro, mentre dall’altro a far soffrire i cittadini e in particolare quelli più deboli e indifesi. Il Movimento 5 Stelle Modica invita il sindaco ad agire come il buon padre di famiglia, pensando prima alle necessità e dopo alle cose voluttuarie e ciò al fine di tutelare in primis i cittadini più deboli e indifesi e per evitare che si ripetano tali simili tristi situazioni».