Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1061
MODICA - 20/02/2016
Attualità - La studentessa 16enne morta in un incidente stradale a Frigintini

Chiesa di S. Pietro piena per Eleonora

Una compagna commossa ha tratteggiato la personalità della ragazza scomparsa
Foto CorrierediRagusa.it

La chiesa di San Pietro non è stata sufficiente a contenere il mare di persone che si è riversato nel tempio per l’ultimo saluto a Eleonora Giurdanella (foto), la studentessa 16enne morta in un incidente in scooter a Frigintini. Decine di persone sono dovute rimanere fuori, seguendo le esequie dal sagrato. Ad officiare i funerali l’arciprete di Frigintini Don Sergio Boccadifuoco e Rosario Rabbito, parroco di San Pietro. Presenti in chiesa l’intera comunità della frazione rurale dove la sfortunata ragazza risiedeva e il coro della chiesa di Frigintini. Una cerimonia sobria e composta al termine di cui ha parlato una compagna di Eleonora che l’ha definita espansiva, solare e ricca di valori. La giovane, che frequentava il secondo anno del liceo linguistico «Verga», era un’attiva frequentatrice della parrocchia della Sacra Famiglia di Frigintini, dove lascia un vuoto incolmabile. «Vivrai per sempre dentro di noi», ha detto in lacrime l’amica, prima che la bara bianca ricoperta di fiori fosse portata a spalla all´esterno della chiesa tra la commozione generale. Infine sono stati fatti volare, in un religioso silenzio, tanti palloncini bianchi con su scritto il nome della compianta ragazza.

Intanto la polizia locale di Modica ha chiuso il fascicolo d´indagine sull´incidente, che continua a presentare alcuni punti oscuri. Non a caso l´esame autoptico è stato deciso per fare maggiore chiarezza sulle cause del decesso, anche perchè non è escluso che nell´incidente, come accennato a prima vista autonomo, possa essere rimasto coinvolto un altro veicolo, il cui guidatore non si sarebbe fermato a prestare soccorso alla giovane. Il cuore della ragazza si era fermato nel corso di un delicato intervento chirurgico a Catania, dov’era stata ricoverata d’urgenza dopo il trasporto in elisoccorso che era atterrato nel vicino campo sportivo «Tantillo». La ragazza viaggiava in sella ad uno scooter Scarabeo di cui avrebbe all’improvviso perso il controllo, rovinando a terra e schiantandosi contro un palo della pubblica illuminazione. Era stata una donna a lanciare l´allarme.