Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1530
MODICA - 15/02/2016
Attualità - Uno dei posti più belli della città versa ne degrado

Villa Cascino abbandonata e in mano ai vandali

Recentemente, soltanto una scerbatura e la potatura degli alberi, il resto pare non interessi nessuno Foto Corrierediragusa.it

Villa Cascino, un giardino di straordinaria importanza e bellezza artistica, continua a permanere in uno stato di grave abbandono e degrado (foto), incustodita e aperta a chiunque, soprattutto ai vandali. Non esiste alcuna tabella di orari e il cancello e perennemente aperto a chiunque. E’ quanto denuncia anche sul suo profilo Facebook Marcello Medica del Movimento 5 Stelle, con tanto di foto a documentare lo scempio. «All’interno della villa – scrive Medica – l’abbandono e il degrado traspare ovunque: da un’antica vasca in pietra brulla e abbandonata, da una fontana completamente abbattuta, dai servizi igienici completamente distrutti, finanche il tetto con le tegole rotte, così come da un cestino porta rifiuti divelto o dalla scalinata di legno, che conduce all’ingresso superiore, completamente infracidita e fuori uso, costituendo un grosso rischio per la pubblica incolumità. A completare il triste quadro, il caratteristico chiosco con le erbacce fin sopra le tegole, la presenza di rifiuti di ogni genere abbandonati nelle immediate vicinanze e infine la casetta del custode posta all’ingresso col vetro frantumato, anch’esso un altro rischio per l’incolumità pubblica. E le istituzioni cosa fanno? Recentemente, soltanto una scerbatura e la potatura degli alberi, il resto pare non interessi nessuno. Da decenni dunque la villa permane in tale stato pietoso – conclude mestamente Medica – senza nessun progetto di valorizzazione e alcuna volontà di restituire un tale importante spazio verde alla città».