Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 1039
MODICA - 13/10/2007
Attualità - Modica - Devono ricevere sette mesi di stipendi

Lavoratori cooperative
con l´acqua alla gola

Sono anche oggetto di una presunta strumentalizzazione politica Foto Corrierediragusa.it

Oltre al danno, pure la beffa per le centinaia di lavoratori delle cooperative che attendono da oltre sette mesi d’essere pagati dall’amministrazione. Pare difatti che almeno un centinaio di interessati siano vittima di una sorta di discriminazione politica, in quanto facenti parte della cooperativa «Il gruppo», vicina all’onorevole Riccardo Minardo.

Tra i lavoratori circola la voce che l’amministrazione intenda favorire i colleghi delle altre cooperative, nel pagamento delle spettanze arretrate, per «colpire» Riccardo Minardo, a causa del passaggio da Forza Italia a Mpa. Minardo da parte sua ha tenuto una riunione, alla presenza dei lavoratori, ribadendo che si batterà per ottenere subito almeno una paio di mesi di arretrati per tutti. Un concetto ribadito anche da Paolo Garofalo, che ha escluso ogni forma di strumentalizzazione.

Comunque nessuna cooperativa ha finora percepito un solo centesimo. Lo stato di agitazione potrebbe sfociare a breve nella sospensione dei servizi, vale a dire il trasporto tramite pullman per anziani, alunni e soggetti diversamente abili, senza dimenticare l’altrettanto importante servizio di assistenza domiciliare integrata agli anziani. Ieri era stato promesso il pagamento di almeno una mensilità, ma in banca i lavoratori non hanno trovato nulla. La Cgil sta intanto muovendosi per far rispettare il protocollo d’intesa stipulato tra i sindacati e l’amministrazione, proprio quando lo stesso Garofalo rivestiva la carica di assessore ai servizi sociali.

Secondo Nicola Colombo, segretario della camera del lavoro, i punti sono stati disattesi. Prendendo atto della contingenza economica, Colombo spiega comunque che i patti devono essere rispettati e, comunque, non si possono lasciare centinaia di persone senza stipendio per tutti questi mesi. Non è esclusa al momento l’ipotesi che i lavoratori scendano in piazza.