Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1116
MODICA - 15/01/2016
Attualità - I funerali del giovane 23enne si sono tenuti a S. Pietro, l’omelia del cappuccino Padre Enzo

In versi toccanti il senso del gesto di Antonio Cassarino

Il giovane non ha retto il forte impatto della perdita del padre, dei nonni, dello zio nel corso delgi ultimi anni Foto Corrierediragusa.it

Nella poesia all´entrata della chiesa di S. Pietro gremita di parenti, amici, giovani, il senso del gesto che ha portato Antonio Cassarino (foto), 23 anni, alla morte. "Le stelle mi guardano stupito, ed io rivolgo loro il mio miglior sorriso, quel magico panorama è il massimo per un cuore stanco di sognare, vengo ad un certo punto cacciato via da quello splendido mondo ed incomincio a cadere, questo è il destino che mi vuole mettere alla prova, vuole vedere se riesco ad usare le ali che neanche sapevo di avere".

Le modalità della morte del giovane hanno lasciato una comunità sgomenta per la lucidità con cui è avvenuta. Padre Enzo della comunità dei Cappuccini ha ricondotto tutto al senso cristiano del ricongiungimento, alla fragilità delle giovani generazioni provate dalla loro solitudine e dal loro dolore interiore. Antonio Cassarino, figlio e nipote di professionisti stimati e ben noti in città, scomparsi prima dei loro giorni, è stato travolto dal dolore per la perdita dei suoi affetti più vicini cui si sono aggiunti nel tempo più recente quelli dello zio e della nonna. Una famiglia segnata dal dolore, una madre ed un fratello 20enne che cercano di darsi una spiegazione anche perchè la mente lucida di Antonio Cassarino aveva prefigurato già una fine immatura. Tanti fiori bianchi in chiesa, tante lacrime, un dolore profondo per la perdita di un giovane dalla personalità poliedrica che tuttavia non è servita ad evitare la tragicità della fine.

LA MORTE DI ANTONIO CASSARINO
Si è lanciato dal ponte Costanzo ed ha deciso così di farla finita. Una tragedia prima personale e poi familiare per il giovane studente modicano di 23 anni. Il giovane ha parcheggiato la sua macchina ai bordi del ponte Costanzo e poi si è lanciato nel vuoto. E´ toccato ad alcuni automobilisti di passaggio dare l´allarme. Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri per constatare il fatto. A valle sono intervenuti i vigili del fuoco anche con l´ausilio di un elicottero visto il punto piuttosto impervio.