Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 938
MODICA - 13/01/2016
Attualità - Sarà la ditta Nexus ad occuparsi della riscossione

Modica comune moroso a "caccia" dei morosi!

L’ente ha una pendenza con Riscossione Sicilia Foto Corrierediragusa.it

Dopo le bollette dell´acqua e dei rifiuti i contribuenti riceveranno una lettera di sollecito per mettersi in regola con i tributi non versati negli anni. L´amministrazione ha dato il via all´operazione recupero che dovrà portare contante nelle casse dell´ente e soprattutto chiudere contenziosi annosi che hanno portato a circa 20 milioni di mancati incassi per tributi dovuti a vario titolo. C´è infatti circa il 40 per cento dei contribuenti residenti in città che non fa il proprio dovere. I contribuenti morosi troveranno i dettagli di quanto devono nella lettera che sarà loro recapitata. Sarà la società Nexus di Avola ad occuparsi del recupero dei tributi considerata l´incapacità degli uffici comunali di riscuotere i tributi arretrati. Una battaglia ormai data per persa tanto da indurre a rivolgersi all´esterno per un mandato di due anni che riconoscerà alla società incaricata un aggio di circa il 10 per cento su quanto portato concretamente a casa. Dal recupero coatto sono naturalmente esclusi quanti hanno concordato la rateizzazione delle somme da versare.

La procedura che sarà seguita dalla Nexus sarà prima l´invio di una lettera di sollecito e dopo un mese di silenzio da parte degli interessati l´avvio del recupero coatto che include anche forme di sequestro di beni personali e strumentali. Se da un lato il comune assolve a pieno titolo il ruolo di esattore dall´altro non riesce ad assolvere il suo dovere di "contribuente" visto che, dopo la denuncia del presidente di Riscossione Sicilia, Antonio Fiumefreddo, si è scoperto che l´ente deve oltre due milioni di euro per mancato pagamento di tributi e risulta a sua volta moroso esattamente come i suoi amministrati ai quali chiede, giustamente, di pagare. Un doppio volto che dice tutto sullo stato di grande difficoltà in cui si muove l´ente.

Nella foto palazzo San Domenico, sede del comune di Modica