Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1256
MODICA - 17/12/2015
Attualità - Gli 8 parenti non hanno potuto pensare nemmeno alla sepoltura

Anziana morta sola: funerali del comune

Sarebbe bello un Natale meno frivolo e dedicato al prossimo. Anche solo un po’ Foto Corrierediragusa.it

Una triste storia di solitudine estrema, sia in vita che dopo il trapasso, che diventa ancora più penosa sotto Natale: è quella dell´anziana modicana di 85 anni, E.B., che nessun parente diretto o prossimo si è preoccupato di seppellire a distanza di quasi dieci giorni dal decesso nel reparto di geriatria dell´ospedale Maggiore, dopo anni trascorsi in un ospizio. E´ stato il comune a farsi quindi carico delle spese per i funerali. Solo un parente si era fatto vivo, dopo aver ricevuto una delle 8 lettere spedite ad altrettanti familiari dai competenti uffici dell´ospedale. L´uomo si era assunto l´impegno di provvedere a tutto lui, ma poi più niente. E siccome la salma della povera donna non poteva essere ancora tenuta nella cella frigorifera della camera mortuaria dell´ospedale, le esequie sono state celebrate a carico del comune. La donna non ha mai "pesato" su nessuno, vivendo in una casa di riposo e terminando gli ultimi giorni in un letto d´ospedale, dove è poi spirata dopo una settimana di ricovero per problemi respiratori.

La pensionata se n´è andata in solitudine, senza alcuna assistenza familiare. La direzione dell´ospedale ha dovuto anche prendere atto del rifiuto palesato da parte di due nipoti, i quali hanno fatto pervenire una comunicazione tramite i loro legali in cui hanno ribadito di non potersi prendere cura della parente. Quello delle persone anziane lasciate sole è un fenomeno in aumento, come certificato dai dieci casi registrati dai servizi sociali in circa un anno. La lontananza dei parenti, che spesso si trovano in altre città o addirittura all´estero, le difficoltà economiche e in alcuni casi anche vecchi rancori radicati nel tempo tra gli stessi familiari portano a casi estremi come quello della povera 85enne. Sarebbe bello un Natale meno frivolo e dedicato al prossimo. Anche solo un po´.