Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 714
MODICA - 13/12/2015
Attualità - La retrospettiva ospitata all’ex convento del Carmine fino al 31 gennaio

Peppe Colombo e la limpidezza dello sguardo sulla vita

Oltre 60 dipinti nella mostra che raccoglie opere dal 1999 al 2015 Foto Corrierediragusa.it

Un racconto fatto di bellezza in tutte le manifestazioni che assume nella vita. Nei paesaggi, negli interni, nei ritratti, nello sguardo verso i maestri del passato. Giuseppe Colombo (foto di Gianni Mania, ritratto al lavoro nel suo studio) lo fa attraverso un utilizzo sapiente della luce e della definizione che può ad un primo sguardo apparire quasi fotografica ma che rivela invece il tocco del pittore attento e quasi maniacale nel restituire i minimi particolari. Negli oltre 60 quadri ospitati presso l´ex convento del Carmine di piazza Matteotti per la prima retrospettiva del 44enne pittore del Gruppo di Scicli è evidente la capacità dell´artista di disvelare attraverso il suo pennello la realtà percepita in tutta la sua brillantezza, la nettezza dei contorni e la luminosità. E´ un mondo in cui Colombo affonda le sue radici sin dalle sue prime opere e che evidenzia l´eredità non solo dei ritrattisti fiamminghi e dei pittori del 400´ italiano ma anche quella ben più recente dei vari Piero Guccione, soprattutto per i paesaggi, e di Franco Sarnari per il dettaglio, che del gruppo di Scicli sono stati iniziatori e ispiratori.

Peppe Colombo porta più in là la loro esperienza e come scrive Paolo Nifosì a proposito del dipinto «Marina di Modica» "si evince una dichiarazione di poetica riguardo alla sua idea di obiettività, proposta di sviluppi di volumi in profondità, di luci che ne definiscono le superfici, di sperimentazioni pittoriche in atto, anche in relazioni alla frequentazione dei suoi maestri diretti, Guccione e Sarnari e a memorie hopperiane». Retrospettiva raffinata dunque, di eleganza artistica, di cui va dato merito ai due curatori Paolo Nifosì e Tonino Cannata che nella mostra hanno creduto e che ripropongono, sull´onda della esaltante mostra su Piero Guccione , un percorso artistico che sicuramente renderà più noto e accessibile al grande pubblico l´opera di un pittore che ha ancora grandi spazi davanti a sè.