Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 863
MODICA - 25/11/2015
Attualità - Perchè i fondi vincolati sono stati distratti per altri scopi?

Di nuovo rischio dissesto a Modica

"Lacrime di coccodrillo" dopo una gestione fin troppo "allegra" dei soldi pubblici Foto Corrierediragusa.it

Poco più di 40 giorni poi bisognerà entrare nel merito e soprattutto dare risposte "congrue e attendibili". La Corte dei conti non fa sconti, ha dato le sue prescrizioni e l´incubo dissesto aleggia di nuovo su palazzo S. Domenico. Alla luce di questa innegabile verità è lo stesso assessore al bilancio Enzo Giannone (foto) a fare "mea culpa", mettendo le mani avanti e ammettendo l´amara verità: "La Corte dei conti evidenzia le ormai ataviche difficoltà finanziarie ed organizzative che attraversano l’ente e fornisce in alcuni specifici passaggi gli aspetti problematici da affrontare ed approfondire al fine di scongiurare conseguenze nefaste. L’ente si dovrà attenere scrupolosamente a quanto indicato nel piano di riequilibrio approvato. Ed il primo passo della verifica e del suo totale rispetto – prosegue l’assessore – è fissato dalla stessa normativa del 31 dicembre, data in cui il comune dovrà dimostrare di aver ottemperato alla principale prescrizione fornita dai magistrati contabili: il ripristino dei fondi vincolati". Ciò che l’assessore non spiega è per quale inconcepibile motivo questi fondi vincolati siano stati destinati ad altri scopi, e soprattutto quali e perché. Non che sia così difficile arrivarci per logica, alla luce di quanto si è visto nella gestione fin troppo «allegra» di questa giunta, ma avremmo preferito che le risposte giungessero tutte da palazzo San Domenico, invece di avventurarci noi stessi in ipotesi più o meno fondate. Invece l’assessore preferisce «cantare la mezza messa», alla luce delle 98 pagine di relazione della Corte dei conti, tra cui spicca tutta una serie di prescrizioni, di cui alcune pesantissime. E ora, grazie alla gestione «allegra» di cui sopra a cui va buona parte del «merito» di questa situazione critica di cui anche l’assessore non fa mistero (e ci mancherebbe altro) si arriva di nuovo quasi sotto Natale per dire che entro dicembre bisogna dare risposte "congrue e attendibili".

Non c’è che dire, un gran ben «regalo» per i contribuenti che pagano le tasse nonostante la crisi. Bisogna quindi trovare ora i 21 milioni che mancano per ripristinare le somme del fondo vincolate e che sono state utilizzate in questo anno per altri scopi. E bisognerà anche dimostrare che i debiti fuori bilancio, debitamente elencati, siano pagati. Riuscirà l’amministrazione nell´impresa? Ce lo auguriamo, onde evitare il dissesto economico finanziario che inevitabilmente si ripercuoterebbe sulle tasche già vuote dei contribuenti modicani.

Sarebbero serviti, studio, sobrietà, analisi dei problemi, provvedimenti efficaci, piuttosto che dedicarsi a eventi molto più mondani e certamente più gratificanti dal punto di visto del consenso elettorale. Speriamo che la lezione sia servita (ma ne dubitiamo) e si arrivi a soluzioni radicali e certe, piuttosto che magari dedicarsi a luminarie inutili, eventi costosi ed altre amenità varie. In caso contrario, aspettiamoci pure qualche altro «regalo» di sicuro poco gradito e soprattutto non a buon mercato.