Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1259
MODICA - 01/11/2015
Attualità - Il decesso di un giovane siriano al "Maggiore"

Doveva donare gli organi ma va tutto storto

Sono state ore intense nella divisione di rianimazione Foto Corrierediragusa.it

I familiari avevano dato il consenso per la donazione degli organi ma all’atto della constatazione della morte cerebrale è sopravvenuto l’arresto cardiaco e tutto è sfumato. Sono state ore intense nella divisione di rianimazione dell’ospedale Maggiore, dove era stato ricoverato un 22enne siriano, uno dei migranti approdati ultimamente al Porto di Pozzallo. Le lacrime del neo arcivescovo di Palermo, Mons. Corrado Lorefice, chiamato nelle ore precedenti al decesso, a dare l’estrema unzione. «Questa è un´altra prova del Signore – ha sussurrato l’alto prelato – che mi ha chiamato ad assistere spiritualmente in ospedale un musulmano». Il giovane era giù sofferente di ipertensione maligna, ma i tre giorni di deserto a piedi senza acqua e senza cibo, prima della partenza verso l’Italia, gli avrebbero dato il colpo di grazia. All’arrivo a Pozzallo era stato visitato dal dottore Angelo Gugliotta, medico dell´Asp, che aveva disposto il suo immediato ricovero in Nefrologia a Modica. Poi era sopraggiunto uno choc che aveva reso necessario il trasferimento nella divisione di Malattie Infettive dove le condizioni hanno continuato ad aggravarsi fino al trasferimento in Rianimazione.

Qui, nonostante il prodigarsi dei sanitari, la situazione è definitivamente precipitata tant’è che, tramite una mediatrice è stato possibile mettersi in contatto coi familiari che hanno dato il consenso per il prelievo degli unici organi utilizzabili, fegato e pancreas. Purtroppo, alcune ore fa, è sopraggiunto l’arresto cardiaco che ha reso vano ogni tentativo. C’è da rilevare, comunque, la grande disponibilità di questa gente che, nonostante la distanza, nonostante il dolore, aveva acconsentito a far si che gli organi del loro giovanissimo congiunto aiutassero a vivere altre persone.


Chiarezza
01/11/2015 | 17.29.37
Graziano

«ipertensione maligna» immediato ricovero in «nefologia» e successivamente in «malattie infettive»
Qualcuno può fare chiarezza di COSA E´ MORTO QUEST´UOMO?? Magari in parole semplici, giusto per sapere che tipo di malattie «ospita» il reparto malattie infettive di Modica!!!! Grazie.