Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 722
MODICA - 20/10/2015
Attualità - L’iniziativa di tre circoli di Legambiente nell’area del Sito di Interesse Comunitario

Giovani e studenti, tutti a pulire la spiaggia di Maganuco

Chiesta anche una maggiore cura e attenzione per il Sito, di indiscusso valore naturalistico Foto Corrierediragusa.it

«Puliamo il Mondo» è stata l´iniziativa promossa dai circoli il Melograno, Sikelion e Il Carrubo di Legambiente a Maganuco (nella foto: il gruppo). E´ stata una giornata dedicata alla pulizia dell´area del Pantano presso il Sito d´Interesse Comunitario della spiaggia del Maganuco. La scelta del Sito è stata motivata perchè è già oggetto di attività di indagine naturalistica nell´ambito del progetto «Un Mare d´Ambiente», svolto in partenariato con il Comune di Pozzallo. Vi hanno preso parte gli alunni della II B dell´Istituto Comprensivo Santa Marta di Modica, il Team Sicilia di Booking.com nell´ambito del progetto aziendale «Booking Cares»finalizzato al miglioramento delle destinazioni nelle quali Booking.com opera, e molti volontari che hanno risposto all´appello di Legambiente. Nel corso della mattinata, si è anche dato luogo ad un «blitz» per puntare l´attenzione sulla necessità di un adeguato controllo e salvaguardia dell´area SIC, dove una parte di dune è stata recentemente spianata, come denunciato all´autorità giudiziaria da Legambiente nel mese di giugno. Gli studenti del Santa Marta, indossando ciascuno una lettera, hanno formato la frase: «Le dune non si toccano!».

Un altro momento dimostrativo si è svolto nel pomeriggio e ha visto protagonisti i ragazzi di Booking.com, che hanno puntato il dito sullo scempio, all´interno del Pantano, di un cumulo di macerie di calcestruzzo abbandonate, richiedendone la rimozione. Queste azioni sono rivolte a chiedere una maggiore cura e attenzione per il Sito, di indiscusso valore naturalistico, e ciò che Legambiente auspica è che si applichi realmente quanto previsto dal Piano di Gestione dell´area SIC, che pone come valore fondamentale la salvaguardia del Pantano e della Spiaggia.

L´iniziativa è in continuità con le attività svolte dai tre circoli, che hanno dato vita ad uno specifico gruppo di lavoro comune, per la salvaguardia e riqualificazione della costa iblea, per il contrasto all´urbanizzazione selvaggia, a progetti antierosione errati, e per l´applicazione delle direttive europee per la conservazione della natura.