Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 695
MODICA - 02/08/2008
Attualità - Modica - Niente più diritti di urgenza

Modica: pratiche edilizie? Con la calma...

Elio Scifo, neo assessore all’urbanistica, cerca di mettere ordine Foto Corrierediragusa.it

Per le pratiche edilizie niente più diritti di urgenza. L’assessorato procederà solo con il numero di protocollo nell’esitare le pratiche. L’assessore all’urbanistica intende riportare ordine nell’esame dei progetti e soprattutto evitare che grazie ai diritti di urgenza si possano scavalcare quanti sono avanti con in tempi di presentazione delle pratiche.

Negli ultimi anni infatti grazie al pagamento di appena venti euro una pratica poteva avere un percorso privilegiato superando le altre che cronologicamente avevano maggiori titoli per essere esitate. All’assessorato all’urbanistica sono oltre mille le pratiche in stand by con conseguenze negative anche sull’economia del comparto edilizio.

Ben 600 pratiche sono di urbanistica, 400 quello dello sportello unico e 90 riguardano invece quelle riguardanti l’ottenimento di agibilità per immobilità, locali commerciali e pubblici. E’ un numero consistente di pratiche che l’ufficio ha accumulato anche perché è a corto di personale; Elio Scifo (nella foto), neo assessore all’urbanistica cerca di mettere ordine a palazzo Campailla ed ha già dettato le sue direttive.

Le pratiche saranno esaminate solo sulla base del numero di protocollo e l’ufficio preposto sarà irrobustito con altro personale. « Voglio azzerare nel più breve tempo possibile le pratiche ? dice l’assessore ? Non posso dare tempi certi ma c’è la volontà politica di accelerare al massimo».

Il problema del rilascio delle concessioni edilizie e dei pareri è man mano lievitato ed ha raggiunto tempi insostenibili soprattutto per le imprese che hanno tutto l’interesse ad aprire cantieri ed avviare i lavori in tempi celeri. In alcuni casi si parla di quasi un anno per il rilascio delle autorizzazioni; il malcontento cresce quando altre pratiche presentate tramite lo sportello unico o grazie allo stratagemma dell’urgenza hanno scavalcato ditte singole o piccoli interventi su edifici privati a tutto vantaggio di grandi imprenditori edili o per lottizzazioni di un certo rilievo.