Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1065
MODICA - 03/09/2015
Attualità - Interverranno varie personalità del mondo gastronomico e della moda

"Vespro", a Modica si magnifica il gelsomino

«Gelsomini, cioccolatte e diletto» nel cuore della città barocca nel fine settimana Foto Corrierediragusa.it

Un fine settimana al gelsomino. E´ tradizionalmente la pianta che vive all’ora del tramonto, che sprigiona profumo ed evoca memorie. Vespro, l´evento che sarà tenuto nel cuore della città barocca, non sarà solo questo ma anche un contenitore di moda, di sapori, di colori, di immagini. A guidare attraverso i misteri del gelsomino alcuni dei più rinomati personaggi del mondo gastronomico ed artistico siciliano. Le "interpretazioni su gelsomino saranno infatti affidati a Franco e Pierpaolo Ruta dell’Antica Dolceria Bonajuto, Pino Cuttaia, Carmelo Chiaramonte, Accursio Craparo, Marella Ferrera, Filippo Figuera con la collaborazione di un birrificio artigianale locale.

Invitato speciale di «Gelsomini, cioccolatte e diletto» sarà l’antica ricetta segreta del Cioccolato al Gelsomino creata nel Seicento per il Granduca di Toscana Cosimo III de’ Medici dal medico ed erudito Francesco Redi. Una ricetta segreta e complessa, che richiede grande pazienza: gelsomino e fave di cacao infatti non si incontrano mai, ma solo si sfiorano, ininterrottamente, per dieci lunghi giorni, durante i quali l’uno cede all’altra la propria delicata e inebriante essenza.
Da questa storia e da questo esperimento, nasce dunque la prima edizione di Vespro, che chiama grandi eccellenze siciliane a interpretare il tema in un grande salotto allestito nel cuore del centro storico della città di Modica, ai piedi della scalinata del Duomo tardobarocco di San Pietro. Sabato si apre con Carmelo Chiaramonte che farà il cuntastorie intorno a un’originale gassosa al gelsomino, ispirata e dedicata allo scrittore modicano Raffaele Poidomani. Domenica ospite d’onore sarà lo chef Pino Cuttaia, che preparerà un cous cous dolce al gelsomino col cioccolato Bonajuto.

Lo chef Accursio Craparo preparerà per tutte e due le sere una zuppa dolce di grano e ceci con gelato al gelsomino. Marella Ferrera, nel frattempo, trasformerà la scalinata di San Pietro in un vero e proprio atelier, in cui oltre a far rivivere gli abiti al gelsomino della sua prima collezione, guiderà quattro sarte a ricamare coi gelsomini il velo della Vergine, come anticamente si faceva per legare questo fiore alla purezza delle giovani. Completeranno l’opera due madonnari della scuola napoletana che al loro fianco realizzeranno le loro opere, tutto destinato a svanire in una notte, com’è nella natura di questo magico fiore. Il gelataio Antonio Adamo, di recente «promosso» tra i primi cento in Italia, preparerà sorbetti e granita al gelsomino.