Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 742
MODICA - 01/09/2015
Attualità - La Corte dei conti ha concesso uno slittamento rispetto alla data del 31 agosto

Modica: 4 giorni di tempo per rimettere i conti a posto

Si tratta di sei milioni e l’ultimatum all’amministrazione modicana è inequivocabile Foto Corrierediragusa.it

Ancora 4 giorni ma saranno gli ultimi. La Corte dei conti ha concesso uno slittamento rispetto alla data del 31 agosto all´amministrazione comunale perchè fornisca tutte le risposte ai quesiti contenuti nelle 38 pagine relative all´utilizzo effettivo del prestito di 64 milioni per il pagamento dei debiti accumulati negli anni. L´amministrazione si è trovata con le spalle al muro e deve fare quadrare i conti in modo preciso, dire perchè non è ancora riuscita a pagare una parte dei debiti, a certificare quelli restanti fuori bilancio, a spiegare dati alla mano come intende recuperare le imposte non pagate dai cittadini. Se non riuscirà ad essere convincente si andrà verso il dissesto, in alternativa bisogna pagare i debiti tutti e subito Tra i debiti certificati e inspiegabilmente non pagati risulta quello che Modica deve a Scicli per l´utilizzo della discarica di S. Biagio. Si tratta di sei milioni e l´ultimatum della Corte dei conti all´amministrazione modicana è inequivocabile: o pagate o ci ridate indietro i soldi del prestito erogato per pagare i debiti, tra cui, come quello di Scicli, quelli fuori bilancio.

Modica ha tirato la questione alle lunghe nonostante la disponibilità della somma sia nelle casse comunali da un anno ma l´aut-aut dei giudici contabili ha indotto sindaco e assessore al Bilancio a correre ai ripari ed onorare gli impegni. Non ci sono vie d´uscita e la situazione è stata affrontata in tutta fretta a palazzo S. Domenico perchè lo spettro del dissesto si fa concreto. Un incontro con i commissari prefettizi si è tenuto già per fissare i dettagli del pagamento che è ormai in dirittura d´arrivo. Una boccata d´ossigeno per le disastrate casse comunali sciclitane, ente che, a sua volta, rischia la procedura di dissesto. I sei milioni sono pertanto attesi al più presto con buona pace del sindaco modicano, che nel frattempo dovrà anche pensare ad estinguere altri debiti, come l´Ato Ragusa, con quei soldi, 64 milioni, che sono stati concessi esclusivamente per pagare i debiti e non per altre finalità e meno che mai per essere distratti.