Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1357
MODICA - 17/08/2015
Attualità - I postumi di ferragosto

Pronto soccorso "intasato" da giovani sbronzi a Modica

Inevitabili i disagi nonostante l’impegno del personale medico Foto Corrierediragusa.it

Oltre 70 accessi nella notte di ferragosto al pronto soccorso dell’ospedale "Maggiore" di Modica (foto). Di questi quasi l’80% erano giovani che le ambulanze del 118 hanno «recuperato» nelle frazioni balneari del litorale del comprensorio modicano. Le ambulanze di Modica, Ispica, Pozzallo e Sampieri hanno fatto spola continua per soccorrere ragazzi ubriachi, in preda a fumi dell’alcol, vittime di incidenti, seppure non gravi, feriti per altre circostanze. Si tenga conto, infatti, che i mezzi di soccorso di Modica, Ispica e Sampieri, nella notte tra venerdì e sabato sono usciti da 5 a 7 volte ciascuna, mentre quella di Pozzallo almeno 10 volte. I disagi al pronto soccorso sono stati innumerevoli poiché la struttura sanitaria non era preparata ad una situazione del genere, tanto che, i soli operatori in servizio, pur facendo di tutto per sopperire alle necessità ad un certo punto si sono trovati in grosse difficoltà in un caos totale determinato da vari tipi di emergenza, tra persone che lamentavano sintomi da infarto, giovani che presentavano ferite, altri ancora sanguinanti, e persino quelli che per l’attesa da sovraffollamento, inveivano contro medici ed infermieri per via dell’attesa.