Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 920
MODICA - 17/07/2015
Attualità - Niente di realmente attrattivo nel cartellone estivo che costa però un occhio della testa

Oltre 160 mila euro per "Estate modicana"

Scelte discutibili di una amministrazione sempre più "spendacciona" nonostante tutto Foto Corrierediragusa.it

Si possono spendere ben 160 mila euro per un cartellone estivo che non annovera nemmeno un evento di grosso richiamo? A Modica sì, dove spendere troppo è di rigore, al di là della bontà dei risultati (che auspichiamo siano almeno all´altezza). Perchè per questa estate 2015 si prende atto che nella stessa città che fino a qualche anno fa ospitava l’unico festival di Poesia e Filosofia di Sicilia, che vedeva sul palcoscenico del proprio Teatro suonare i più grandi jazzisti del mondo, sulla scalinata di San Pietro salire Moni Ovadia, in piazza Monumento esibirsi i Modena City Ramblers e al Chiostro di Santa Maria del Gesù passeggiare, in una delle sue ultime uscite pubbliche, Maria Luisa Spaziani, ora ci si riduce alla «Sagra della pizza» di Maganuco (con tutto il rispetto per l´evento gastronomico, per carità).

Però alla "modica" cifra di 160 mila euro ci si sarebbe aspettato almeno un appuntamento clou capace di richiamare folle, magari non oceaniche, ma pure sempre di rilievo. E invece niente, a parte la riconferma di un cospicuo finanziamento a Gustando Frigintini, che già si mise in mostra per una suggestiva gara degli asinelli allietata da un concerto di alto livello di Brigan Tony. Evidentemente Modica si merita questo, ormai, al di là di veri o presunti interessi reconditi.

Non se la prendano i 67 estensori delle proposte in oggetto, ognuno certamente animato dalle migliori intenzioni, se non altro quelle di guadagnarsi da vivere con il proprio lavoro o con le proprie passioni, ma ci si attendeva, per 160 mila euro, qualcosa di più corposo. Una cosa è certa: pure a Frigintini il "divertimento" (a tratti coatto) non manca: ci permettiamo di suggerire per il prossimo anno un bell´albero della cuccagna con Pinocchio e Lucignolo a fare da anfitrioni. Il Gatto e la Volpe, invece, ce li abbiamo già.


The cardoons!
18/07/2015 | 14.21.49
Piero

Peccato che non è stato accettato il concerto dei "The Cardoons"!


Maggior rispetto per Brigantony
17/07/2015 | 20.25.26
Peppe C.

Pienamente d´accordo sullo sperpero di pubblici e comunali denari in maniera poco confacente a quanto la situazione economica richiederebbe, tuttavia non condivido il facile sarcasmo verso Brigantony, artista che apprezzo per la sua simpatia e umanità e a cui non è imputabile alcuna colpa per il fatto di essere stato chiamato e pagato per lo spettacolo di Frigintini.
Se c´è qualcuno che debba essere rimproverato per scelte poco ortodosse dal punto di vista culturale per una città patrimonio Unesco, ribadisco, non è certamente Brigantony.
Volendo poi allargare il discorso, ci sarebbe pure da riflettere sull´attrattività di uno spettacolo "culturale" propriamente detto in una cornice come quella di Frigintini.
Gradirei, perciò, al di là dell´eventuale pubblicazione (che ritengo poco probabile) del mio commento, che venisse quanto meno rettificata la parte dell´articolo in questione.
Grazie