Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:42 - Lettori online 1104
MODICA - 25/07/2008
Attualità - Modica - I manifesti elettorali affissi sulla cartellonistica stradale

Carpentieri: "Non fu colpa mia se rovinarono la segnaletica"

Per la spesa di 15mila necessaria al ripristino dello stato dei luoghi e a carico dell’ente, l’interessato è pronto a contribuire Foto Corrierediragusa.it

«Ho a suo tempo pagato gli attacchini affinché rimuovessero subito i miei manifesti elettorali dalla cartellonistica stradale. Si trattò dello sconsiderato gesto autonomo di qualche esaltato compiuto con il chiaro intento di danneggiare la mia immagine».

Il vice presidente della provincia e assessore provinciale alle politiche culturali Mommo Carpentieri (nella foto) intende sgomberare il campo da dubbi sul danno di oltre 15mila euro arrecato alla collettività con il danneggiamento della segnaletica stradale verticale quando, in occasione delle recenti Regionali, sui segnali vennero affissi i manifesti suoi e dell’altro candidato Nino Minardo.

«Io pagai subito di tasca mia le squadre di attacchini ? precisa Carpentieri ? affinché riducessero quanto più possibile il danno provocato da ignoti e a carico dei quali sporsi regolare denuncia alle competenti autorità. Non posso di certo affermare con certezza se all’epoca sparirono dai magazzini qualche decina di miei manifesti. Ma di una cosa sono certo: non furono le mie squadre di attacchini ad affiggere i manifesti sulla cartellonistica stradale, né tanto meno io stesso mi sarei mai sognato di ordinare loro di procedere ad un atto del genere, tanto incivile quanto pericoloso».

Carpentieri non aveva finora inteso rendere note queste circostanze. Adesso ci ha ripensato, alla luce del costo di 15mila euro che i contribuenti dovranno pagare in base al conto presentato dalla «Multiservizi» all’amministrazione comunale per il ripristino dello stato dei luoghi. Era stato il consigliere Nino Cerruto di Una nuova prospettiva a sollevare la spinosa vicenda, seguendo passo dopo passo il tortuoso iter. «Non intendo di certo fungere da capro espiatorio ? conclude Carpentieri ? e preciso che se ci saranno verbali da pagare o altro, non mi sottrarrò di certo a tale onere anche se, lo ribadisco, non è stata colpa mia».