Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 582
MODICA - 08/07/2015
Attualità - Lettera firmata e controcorrente al nostro giornale

"Bene la chiusura del tribunale di Modica"

"Da cittadino ibleo voglio che la struttura venga chiusa" Foto Corrierediragusa.it

Dodici anni per una sentenza. Che le cause civili avessero in media una vita tra i cinque e i sei anni era già cosa nota ma nell´esperienza di un cittadino pozzallese anche le più pessimistiche previsioni si sono rivelate sbagliate. Il calvario del nostro lettore, che ha recapitato la lettera-denuncia in redazione, è cominciato nel 2004 per una causa in danno dell´allora sua datore di lavoro al quale è stato chiesto un risarcimento di 8 mila euro. Ma nulla è accaduto nonostante l´irreprensibile comportamento della "vittima" del caso giudiziario che così viene riassunta dal nostro lettore: "Ho intentato una causa civile perché mi sentivo defraudato del mio lavoro, un cittadino modicano, che mi ha tolto dignità mettendomi in mezzo ad una strada, a mio modesto avviso. Mi sono rivolto ad un avvocato nel 2004 e ho cominciato la mia lunga trafila fra carte bollate e rinvii senza alcuna speranza. Mi sono presentato sempre in aula, nella speranza che qualche giudice (se ne sono alternati tre in questi undici anni, facendo ritornare al punto di partenza tutto il lavoro fatto dal giudice precedente) prendesse a cuore la mia causa civile e si esprimesse per emettere una sentenza, giusta o sbagliata che sia. Ad undici anni, oramai, questo eterno calvario mi ha spossato nell´animo e nel portafoglio. Voglio solo la mia sentenza, dopo undici anni. Nessuna risposta da parte del giudice, il quale, bontà sua, deve ancora decidere cosa fare. Non so neanche, in verità, se qualcuno abbia letto mai tutto il faldone di carte che ho portato davanti al giudice. So solo che, ogni volta che vado a Modica, ho la sensazione che dovrò ritornare un´altra volta, magari a distanza di un anno o due. Come ho fatto recentemente. Mi sono presentato a Modica per capire cosa stia succedendo. Risposta, dovrò tornare l´anno prossimo, il 2016. Che disdetta! Saranno dodici anni, nel 2016, per una causa che avevo intentato per circa 8 mila euro di danni. Chiederò i danni allo Stato (Legge Pinto) una volta avuta la sentenza, sempre se me la daranno".

La vicenda ha indotto il cittadino pozzallese a trarre alcune conclusioni anche, se non soprattutto, sulla chiusura del tribunale di Modica, alla luce delle reiterate iniziative del Comitato Pro Tribunale che si batte per far ritornare alla agibilità la struttura giudiziaria di Modica adducendo ragioni come l´efficienza e la celerità dei casi trattati in una tribunale cosiddetto "minore".

Diverso il parere del nostro lettore: "Da cittadino ibleo voglio che la struttura venga chiusa. Perché non è possibile che un cittadino aspetti più di due lustri per avere una sentenza, per una causa inferiore ai 10 mila euro. Neanche le pratiche degli omicidi più efferati sono state «ingabbiate» per un periodo così lungo. Se questi sono i chiari di luna, allora è meglio chiudere la struttura. Se non serve a dare risposte in tempi brevi, cosa vengono pagati a fare i giudici? Sapevo benissimo che i tempi di una causa civile sono lunghi ma aspettare dodici anni per una causa credo che si rasenti la follia pura.

Questa mia vuole solo far capire che i «rami secchi» debbono essere tagliati. Il tribunale di Modica, ad oggi, è un ramo secco, a mio modesto avviso, perché non riesce a svolgere appieno il proprio lavoro. Quando una ditta privata non porta utile a casa, solitamente il proprietario (o chi per lui) chiude bottega. Io tornerò l´anno prossimo a Modica, sperando che qualche buon cuore mi dia la sentenza, a favore o a sfavore non importa, ma che ci sia. Sono abbastanza giovane (voglio tranquillizzare la controparte e i giudici) e godo di ottima salute. Se aspettano che io schiatti per archiviare la pratica, mi dispiace, ma dovranno rivolgersi ad un altro santo. Con questa mia, ripeto, voglio solo rispondere a quanti, politici, legali, varia umanità, vogliono far sì che il tribunale resti in vita. Nulla di personale verso nessuno".

Nella foto l´ex palazzo di giustizia già sede del soppresso tribunale di Modica