Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1069
MODICA - 23/06/2015
Attualità - Tanti soldi spesi per il sito naturalistico ma tutto è in malora

M5S: "Scandalo Conca del Salto Modica"

Il Movimento 5 stelle ritiene che tutto ciò debba cessare immediatamente Foto Corrierediragusa.it

Tanti soldi spesi per il bellissimo scorcio della «Conca del Salto» di contrada Fiumara, eppure il sito naturalistico è inaccessibile da anni. Alla luce di ciò, il Movimento 5 stelle non esita a parlare di «scandalo finanziario e ambientale». «Finanziario – si legge nella nota – perché attraverso il progetto «Lavori di valorizzazione della Conca del Salto», ammesso a finanziamento nel 2007, è stata spesa la ingente somma di 325 mila 337 euro per eseguire degli interventi infrastrutturali che, ad oggi, non consentono neanche il libero accesso per visitare l’importante sito, giacché il cancello d’ingresso al percorso risulta sbarrato con tanto di lucchetto. Le poche infrastrutture realizzate versano già in condizioni precarie, come la staccionata e il ponte di legno. Lo scandalo ambientale – proseguono i grillini – è dato dagli sversamenti di questi mesi dei reflui non trattati dal vicino depuratore di contrada Fiumara e che potrebbero avere compromesso l’ecosistema circostante, compreso il sito naturalistico di rilevanza comunitaria della «Conca del Salto», per non parlare del forte degrado presente nei dintorni, ove è possibile rinvenire rifiuti di ogni genere abbandonati ovunque che insozzano uno dei siti naturali più suggestivi di Modica, riconosciuto nella banca dati Natura 2000 della Unione Europea e con caratteristiche tali da meritarsi il riconoscimento di riserva naturale.

Il M5S – chiude la nota – ritiene che tutto ciò debba cessare immediatamente, recuperando e bonificando il sito assieme all’antichissima chiesa di San Giacomo fuori le mura, nei pressi del depuratore, al fine di creare un percorso turistico capace di attrarre migliaia di turisti e visitatori».