Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 482
MODICA - 05/06/2015
Attualità - Non si spengono i riflettori sull’impianto di contrada Fiumara

Tanti soldi spesi in depuratore che inquina

Per il M5S si prefigura all’orizzonte un altro scandalo Foto Corrierediragusa.it

Nonostante non funzioni come dovrebbe e quel che è peggio inquina il torrente di Modica – Scicli con liquami non trattati infestando la zona di miasmi nauseabondi, ben un milione e mezzo di euro è stato stanziato in passato per l’ammodernamento del depuratore di contrada Fiumara (foto). Il Movimento 5 Stelle di Modica grida allo scandalo e chiede controlli serrati sull’effettivo utilizzo dei soldi pubblici. «Dopo lo scandalo ambientale, che perdura ormai da 5 mesi, con quello che appare un continuo sversamento di liquami nelle campagne circostanti - scrivono i grillini - si prefigura all’orizzonte un altro scandalo, questa volta finanziario, per il quale sarebbe auspicabile l’intervento degli organi inquirenti. Da nostri accertamenti, infatti, abbiamo avuto modo di appurare che, appena qualche anno fa, la struttura di contrada Fiumara è stata oggetto di un ammodernamento attraverso un mega progetto costato per la precisione 1 milione 471 mila 593 euro. Al riguardo – scrive il Movimento 5 stelle – chiediamo di sapere a cosa sia servito spendere una simile somma se dopo appena qualche anno ci ritroviamo, praticamente, in mezzo alla melma. Il M5S teme «l’ennesimo spreco di denaro pubblico». I grillini denunciano anche gli alti costi di gestione dell’impianto. «Il Comune di Modica sostiene un costo annuo non indifferente di 587 mila euro oltre Iva alla Servizi per Modica come da capitolato relativo agli «Oneri prestazionali da fornire, per la gestione e conduzione degli impianti di depurazione comunali».

Insomma, anche in questo caso – aggiungono i grillini - se i risultati sono quelli sotto gli occhi di tutti, dobbiamo concludere che stiamo sprecando notevoli quantità di denaro pubblico, ottenendo dei risultati pessimi». Da qui la richiesta da parte del M5S di chiarimenti sulle spese per il mantenimento del depuratore e per i lavori di ammodernamento, nonché l’invito agli organi preposti al controllo contabile degli enti pubblici a effettuare specifici accertamenti per chiarire se i fondi siano stati impiegati con oculatezza e parsimonia «o, invece, come presumibile – concludono i grillini - con la solita superficialità che in genere caratterizza la gestione dei fondi pubblici nel nostro Paese».

Intanto l’inchiesta in corso della procura con le indagini svolte dalla polizia provinciale sul corretto funzionamento del depuratore e sull’inquinamento della zona provocato dagli sversamenti di reflui non trattati che provengono dall’impianto prosegue e non figurano al momento nomi iscritti nel registro degli indagati.