Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 530
MODICA - 30/05/2015
Attualità - Il fenomeno delle pedane dei locali pubblici montate alla meglio

"Sfida (della pedana) all´Ok corral" in centro a Modica!

Dobbiamo di nuovo aspettarci marciapiedi e passaggi pedonali, con tavoli e sedie a ridosso di ingressi di abitazioni private e uffici pubblici tra i pedoni costretti ad improvvisati e sgraditi slalom? Foto Corrierediragusa.it

«Look at the Ok corral»! E’ il divertito commento a mo’ di sfottò che si scambiavano sabato mattina i (pochi) turisti, ridacchiando mentre indicavano l’ennesima pedana montata praticamente in mezzo alla strada e peraltro sulle zone blu di corso Umberto (foto). Il riferimento dei turisti è ai tipici corral americani dove si pratica il rodeo o scorrazzano i cavalli. A Modica il passato non insegna nulla e con l’imminente arrivo dell’estate cominciano già a proliferare le pedane, autorizzate dai competenti uffici secondo non meglio precisati criteri, dei locali commerciali per la somministrazione di cibi e bevande all’aperto. Quest’ultima pedana è un autentico pugno nell’occhio, oltre ad invadere l’area riservata ai parcheggi a pagamento (ma questa non è una novità) e a risultare non agevole per chi sceglie di accomodarvisi per un aperitivo tra lo smog e le auto che passano a pochi centimetri di distanza. Insomma, i presupposti affinché si ripeta quanto accaduto già lo scorso anno ci sono tutti, con pedane più o meno autorizzate che spuntano come funghi, talvolta invadendo, come già accaduto, marciapiedi e passaggi pedonali, con tavoli e sedie a ridosso di ingressi di abitazioni private e uffici pubblici tra i pedoni costretti ad improvvisati e sgraditi slalom.

Insomma, tutto in perfetto stile far west, in pieno accordo con l’Ok corral tanto «apprezzato» dai (pochi) turisti!