Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 447
MODICA - 24/05/2015
Attualità - L’allarme della Cna

Quale futuro per l´autostrada fino a Ragusa e Gela?

Il presidente Santocono sottolinea il fatto che i 20 chilometri attualmente in fase di realizzazione sono stati aggiudicati per un importo di oltre 350 milioni di euro e che quindi per i rimanenti 70 chilometri fino a Gela si renderà probabilmente necessario non meno di un miliardo di euro Foto Corrierediragusa.it

I lavori per i tre lotti del tratto autostradale tra Rosolini e Modica proseguono regolarmente ma non si parla dei nuovi lotti che dovrebbero portare l´autostrada prima a Ragusa e poi a Gela per completare l´anello di 130 km che parte da Siracusa. Il tracciato autostradale, nel suo progetto originario risalente addirittura agli anni ’60 del secolo scorso è dunque lontano dall´essere completato e ciò ha indotto il presidente provinciale Cna Ragusa, Giuseppe Santocono, a prendere posizione dopo che la problematica è stata al centro di una riunione della presidenza provinciale dell’associazione di categoria: "Sui restanti 70 chilometri per arrivare da Modica a Gela, vale a dire gli otto lotti dal n. 9 al n. 16, non si hanno notizie né precise, né confortanti. Sappiamo solo che l’iter dei lotti 9, 10 e 11 (da Modica a Scicli e Ragusa) è in una fase leggermente più avanzata, mentre per la parte rimanente si è poco più che all’anno zero. E’ chiaro, in ogni caso, che il primo problema da affrontare è quello del finanziamento dell’opera».

Il presidente Santocono sottolinea il fatto che i 20 chilometri attualmente in fase di realizzazione sono stati aggiudicati per un importo di oltre 350 milioni di euro e che quindi per i rimanenti 70 chilometri fino a Gela si renderà probabilmente necessario non meno di un miliardo di euro. «Non dobbiamo arrenderci- dice Sanatocono- il completamento della Siracusa-Gela è essenziale per il completo sviluppo di una delle zone più avanzate della Sicilia, in modo da chiudere il cerchio delle infrastrutture territoriali fondamentali assieme all’aeroporto di Comiso e al Porto di Pozzallo, al servizio soprattutto dell’agricoltura, della piccola impresa e del turismo, paesaggistico e culturale.

Così l’intero Sud-Est della Sicilia sarà messo nelle condizioni di uscire definitivamente dall’isolamento infrastrutturale di cui ha sofferto fino ad ora».