Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 829
MODICA - 16/07/2008
Attualità - Modica - A causa della mancanza dei fondi e del poco tempo rimasto

Salta la giostra dei Chiaramonte
Niente Palio della Contea 2008

Intanto prosegue il processo per la morte del cavallo nel 2005 Foto Corrierediragusa.it

Niente Palio della Contea 2008. I fondi pari a zero lasciati dalla precedente amministrazione rendono impossibile la realizzazione della Giostra dei Chiaramonte. Dopo lo stop di quattro anni fa, la manifestazione equestre contestata dalle associazioni animaliste salta anche per questa estate. Il palio si sarebbe dovuto svolgere il mese prossimo in corso Umberto I, lungo il percorso di sabbia che si snodava da piazza Corrado Rizzone a piazza Monumento. Ma mancano i soldi e di conseguenza non se ne fa nulla. La nuova giunta del sindaco Antonello Buscema, insediatasi la scorsa settimana, sta facendo i conti con la pressoché assoluta mancanza di denaro liquido.

«Non che questa sia una novità ? dichiara il primo cittadino ? perché sapevamo tutti quanti a cosa andavamo incontro, rilevando la gestione della scorsa amministrazione. Non possiamo di certo fare i salti mortali ? prosegue Buscema ? e anche se ci attrezzassimo per poterli compiere, ce li riserveremmo per risolvere problema ben più pressanti». Buscema avrà nelle prossime ore un incontro a hoc con i suoi amministratori, per fare l’ennesimo punto della situazione e perfezionare il calendario delle manifestazioni estive, che sarà presentato venerdì a palazzo San Domenico.

«Ci stiamo basando su iniziative di associazioni private che garantiscano eventi di prestigio a costo zero per l’ente ? dice Buscema ? e che siano incentrati in primis sulla cultura: spettacoli teatrali, rassegne di poesia, ma anche cabaret e tanto cinema. Difficile ? conclude il sindaco ? poter utilizzare la medesima formula anche per garantire l’edizione 2008 del Palio della Contea. Troppo poco il tempo a disposizione e, lo ripeto, nessun fondo a disposizione». Dello stesso avvisto anche l’assessore allo spettacolo Enzo Scarso: «le ristrettezze economiche non ci lasciano altra scelta ? dice ? e pertanto meglio rinunciare piuttosto che organizzare qualcosa che rischi di deludere le aspettative di quanti sfiderebbero il caldo afoso di agosto per andare a vedere un evento magari sottotono».

E il vecchio adagio secondo cui la fretta è cattiva consigliera ben si attaglia alla Giostra dei Chiaramonte: organizzata nel 2005 nell’ottica del risparmio e delle novità dell’ultima ora, l’evento fece registrare la morte del cavallo «American», che si spezzò l’osso del collo dopo aver inciampato lungo il percorso di sabbia non adeguatamente livellata. Il fantino se la cavò solo con qualche contusione e tanto spavento. Da quell’episodio ne scaturì un’inchiesta che ha portato al rinvio a giudizio per lesioni colpose di Salvatore Migliore e Domenico Spadaro, rispettivamente l’organizzatore dell’evento e il supervisore del tracciato, nonché l’aggiudicatario dell’appalto per la fornitura della sabbia. Nel processo in corso viene contestato anche il reato di frode in pubbliche forniture, per il reperimento di materiale sabbioso di qualità inferiore a quella standard per eventi del genere.

Il cavallo rovinò difatti al suolo dopo aver messo in fallo la zampa anteriore destra, affondata in una delle buche venutesi a creare per il mancato compattamento e livellamento dello strato sabbioso, peraltro più sottile del minimo necessario per garantire un terreno più morbido all’equino. Sul mancato svolgimento dell’edizione 2008 del Palio, dice la sua anche il «padrino» della manifestazione, svoltasi per la prima volta nel 1996: il già sindaco e avvocato Carmelo Ruta: «non posso che dichiararmi d’accordo con la scelta operata dall’amministrazione Buscema. Non è di certo con loro che i modicani devono prendersela se il palio è saltato. E’ questo difatti l’ultimo regalino dell’ex sindaco».