Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 846
MODICA - 10/05/2015
Attualità - La performance del Monsignore che non si è risparmiato

VIDEO Il Vescovo cantante sul fronte del palco a Modica

A giudicare dal pubblico e dalla partecipazione, il connubio piace Foto Corrierediragusa.it

Eravamo avvezzi a preti ospiti fissi di variegati salotti televisivi, persino a suore canterine che ammiccano al video anni 80 di Madonna «Like a virgin» che fece scalpore per gli espliciti riferimenti al sesso, ma ancora mancava un vescovo da concerto sul fronte del palco. Ora anche questa lacuna è stata colmata dal proscenio del centro storico di Modica, grazie ad un ispiratissimo Monsignor Antonio Staglianò.



Il vescovo della diocesi di Noto, dopo le recenti “prove” alle funzioni liturgiche sulle note di Noemi e Mengoni che lo avevano catapultato alla ribalta nazionale, ha dato luogo ad un vero e proprio live show dal palco allestito per l’occasione in corso Umberto, il “salotto buono” della baroccheggiante città a forma di melograno spaccato. Il vescovo stavolta non si è proprio risparmiato, cimentandosi ne “La cura” di Battiato, in una performance talmente ispirata al punto da fare fatica a distinguerlo dal cantautore originale. E poi una puntatina rap, magari meno riuscita, ma pur sempre spettacolare, nel suo contesto, senza però scomodare Fabri Fibra o Fedez. Il vescovo “Yo” ha difatti preferito saggiamente improvvisare parole a cappella sul rapporto tra giovani e chiesa, roba sconosciuta ai succitati “rapper” di professione, magari a loro agio con frasi dalla rima baciata ben più pesanti e su temi scomodi che mal si addicono alla figura di un uomo di chiesa. A giudicare dal pubblico e dalla partecipazione, il vescovo cantante piace. Chissà che un giorno non troppo lontano non si riesca a vedere Monsignor Staglianò a Sanremo, magari in un duetto tutto ecclesiastico con suor Cristina, che, per l’occasione, dovrebbe scegliere (si auspica almeno) un brano un po’ più pudico di quello che lanciò nell’olimpo delle star la signora Ciccone. Intanto qualcuno si è pure fatto firmare qualche autografo dal Monsignore. Non si sa mai che nasca una stella.