Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 769
MODICA - 06/05/2015
Attualità - Un danno per l’immagine della città

Turismo in chiaroscuro a Modica tra abusivi e disagi

Anche a Ragusa evidenziate alcune criticità Foto Corrierediragusa.it

Guide abusive, pullman che inquinano e un trenino che intasa il traffico. Non è tutto oro quello che luce per il turismo in città, dove basterebbero solo piccoli e illuminati accorgimenti,ma soprattutto una mente pensante, per rendere il centro storico più attraente, fruibile e a misura di turista. Con l´arrivo di scolaresche e gruppi organizzati sono sempre di più le segnalazioni di guide che si spacciano per tali ma che non hanno alcun titolo per svolgere questa delicata funzione. La denuncia arriva da chi è pienamente titolato a questo servizio, esibisce tanto di cartellino, e viene puntualmente scavalcato nelle chiese e nelle passeggiate per i quartieri da chi si propone come guida autorizzata. A nulla sono valse le segnalazioni ai vigili urbani che dovrebbero istituire, come avviene negli altri centri vicini, una pattuglia dedicata a debellare il fenomeno. Anche perchè l´abusivismo viene praticato in particolare a Modica, dove è notorio che i controlli sono inesistenti e l´abusivo la può fare franca. Un danno per l´immagine della città ma anche per quanti operano legittimamente e subiscono tutti i riflessi negativi di una situazione incresciosa.
Nelle ultime settimane il Consorzio turistico insieme all´amministrazione ha istituito il trenino che consente di percorrere in lungo e largo la città. Servizio gradito e gettonato ma la zona di sosta del trenino non è apparsa tuttavia delle più azzeccate perchè davanti ad un monumento simbolo della città e soprattutto in una parte della carreggiata che si restringe e ingolfa, soprattutto nelle ore di punta, la viabilità già precaria.

Eppure basterebbe spostare di qualche decina di metri in avanti la sosta del trenino, eliminando qualche stallo per la sosta delle macchine per risolvere al meglio il problema. Come non si vuole ancora risolvere il caso dei pullman che in tutte le occasioni e le ore percorrono e sostano in corso Umberto per lasciare o far salire i propri passeggeri. Ancora una volta intasamento, inquinamento e confusione a tutto scapito della vivibilità, già precaria del centro storico.

I pullman turistici in tutte le città vicine, da Noto a Scicli, da Siracusa a Ibla sostano ben fuori del perimetro del centro storico e nessuno dei turisti o degli operatori si lamenta. Succede solo a Modica dove la sosta in piazzale Borsellino o al viale Medaglie d´oro viene considerata un grave colpo, quasi un senso di colpa, per i gruppi in visita. Ognuno fa dunque come gli pare; si sosta in piazza Municipio, davanti alla chiesa di s. Pietro, davanti al teatro Garibaldi.Tutto permesso e che nessuno disturbi l´autista. Il risultato, tra trenino e pullman, è sotto gli occhi di tutti e la stagione turistica vera e propria deve ancora cominciare.

TURISMO: LUCI E OMBRE PURE A RAGUSA
Luci ed ombre nel fine settimana del primo maggio. Turisti e residenti hanno dovuto fare i conti con alcune deficienze della macchina organizzativa a cominciare dall´insufficienza di cassonetti e contenitori dei rifiuti nelle località più frequentate come Ibla e Marina. E´ andata meglio ai turisti che hanno voluto visitare le chiese che grazie ad una migliore organizzazione sono rimaste aperte e fruibili. A Marina tanta la sorpresa dei residenti, soprattutto famiglie con bambini, che hanno dovuto districarsi nel traffico della centralissima via Brin, perchè non si è provveduto a chiudere un tratto al traffico. Il Laboratorio politico-culturale 2.0 fa le pulci all´amministrazione e ne mete in risalto le criticità. Non mancano anche le critiche per quei cittadini che sporcano le strade e deturpano l´arenile per cui il Laboratorio 2.o chiederà di istituire apposite pattuglie della polizia municipale per prevenire e stroncare abitudini che poco si confanno non solo con il turismo ma anche con il vivere civile.