Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1427
MODICA - 04/05/2015
Attualità - La difficile situazione del corso di laurea in servizi sociali

Modica non paga i debiti, circa 200 studenti a rischio

Il sindaco aveva assicurato il pagamento dei 400 mila euro dovuti al Consorzio universitario ibleo, ma alle parole non sono seguiti i fatti Foto Corrierediragusa.it

Sono quasi in 200 e rischiano di chiudere anzitempo la loro esperienza universitaria. Sono gli studenti iscritti al corso di Laurea in Servizi Sociali nella sede "Stagno D´Alcontres" in corso Crispi (foto). Le lezioni in questa fase avanzata dell´anno non sono state tutte attivate ed alcune sono cominciate in ritardo con tutte le conseguenze del caso. L´Università di Messina, da cui il corso dipende dal punto di vista didattico, chiede di essere pagata ma dal Consorzio universitario non c´è stata ancora risposta. A sua volta il Cui ha chiesto all´amministrazione comunale di Modica di far fronte al proprio debito, che si aggira sui 400 mila euro, ma nessun atto concreto è ancora stato perfezionato. L´incontro tra i presidente del Cui e il sindaco sembrava avere dato speranza agli studenti vista la disponibilità, a parole, dell´amministrazione comunale modicana, ma finora nessuna rata è stata versata nelle casse del Cui.

Situazione dunque molto fluida e rischio chiusura nonostante le rassicurazioni che erano arrivate agli studenti dagli amministratori di palazzo S. Domenico. Dice L. V., studentessa di Scienze sociali: "Siamo molto preoccupati per il futuro e vogliamo portare all´attenzione dell´opinione pubblica la situazione in cui versa il corso e chiediamo ai responsabili di fare il proprio dovere rassicurando famiglie e studenti".

UNIVERSITA´: RAGUSA RESTA A BOCCA ASCIUTTA
Soldi per Trapani e Agrigento e Ragusa resta a bocca asciutta. Nella Finanziaria regionale non ci sono soldi per il Consorzio universitario di Ragusa ma si sono trovati 800 mila euro per Trapani e 600 mila per Agrigento. A questo punto, viste le difficoltà in cui già versa il Consorzio universitario ibbleo, Cui, c´è solo da intonare il De Profundis. Ne è certo il Laboratorio politico culturakle 2.0 che prende atto a malincuore in sede di votazione della Finanziaria. Il Laboratorio si dice pronto ad organizzare nei prossimi giorni iniziative che possano scongiurare la fine della presenza universitaria a Ragusa e dice : "Qualche flebile speranza si era accesa sul futuro della nostra università, prima con le dichiarazioni, del 3 marzo scorso, del commissario Cartabellotta, che aveva manifestato la volontà di chiudere il contenzioso con il Consorzio universitario, e poi, con quelle entusiaste ed enfatiche, dello scorso 6 marzo, da parte dei consiglieri comunali, che avevano gioito per la promessa di un contributo straordinario voluto da Crocetta. Tutte parole al vento!" La vicenda dai contorni quantomeno discutibili è stata evidenziata dal Laboratorio 2.0 di Ragusa.