Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 756
MODICA - 24/04/2015
Attualità - Il concerto di Giovanni Caccamo sulla scalinata della chiesa

"Nuova" statua di S. Giorgio per la festa del patrono

Domenica la tradizionale processione con spettacolo pirotecnico dalla collina dell’Idria a conclusione Foto Corrierediragusa.it

La festa del patrono ritorna puntuale la domenica successiva alla ricorrenza religiosa con il programma esterno che anche quest´anno ha il suo clou nella processione. Giovanni Caccamo, vincitore di "Sanremo Giovani" si è esibito con successo di pubblico la sera di sabato sulla gradinata della chiesa per il suo "Qui per te"tour. Un ritorno a casa per il giovane cantautore modicano che vuole così riabbracciare la sua città in una ricorrenza molto popolare e sentita. Domenica è la giornata dedicata alla festa con la celebrazione eucaristica delle 10.30 presieduta dal vicario del vescovo, Mons. Angelo Giurdanella,e delle 16 che precede l´uscita del simulacro del santo cavaliere in un tripudio di colori e di sparo di mortaretti.

La processione sarà accompagnata dal Corpo bandistico "Città di Modica" e dall´Associazione musicale "Toscanini" di Ispica. In prima linea i portatori di S. Giorgio che accompagneranno a spalla la statua prima per Modica Alta e poi riscenderanno verso il centro storico per ritornare in chiesa verso le 22.30. Quest´anno sarà proiettata sulla facciata della chiesa barocca un mapping tridimensionale dal tema "la vittoria del bene". A seguire lo spettacolo pirotecnico dalla collina dell´Idria che precederà l´entrata in chiesa del santo coni tradizionali "gira" tra le navate. Come da tradizione la festa sarà molto partecipata in tutti i suoi momenti da fedeli, curiosi, turisti, essendo molto sentita e radicata nel tessuto sociale della città.

La festa edizione 2015 vede l´esordio della statua dopo il lavoro di recupero (nella foto). La statua è stata infatti ripulita di vernici che negli anni ne hanno occultato alcuni particolari come i colori originali del volto del santo, dei calzari con i legacci in oro tipo condottiero e della corazza. Inoltre è stato riportato alla luce il certosino intarsio del drappo damascato sulla sella in cui siede il santo. I lavori di manutenzione hanno confermato che la statua è fatta interamente in legno scolpito ed intarsiato con una struttura in ferro portante, facendo così sfumare la leggenda che la statua di San Giorgio sia fatta di cartapesta. Anche la spada d´argento è stata lucidata e riportata a nuovo con l´intervento di un argentiere di Modica.