Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 868
MODICA - 13/04/2015
Attualità - E’ stato in carica per 22 mesi, essendo stato eletto nel giugno del 2013

Renato Nuccio lascia presidenza Consorzio turistico

L’organismo ha bisogno più che mai di coesione, professionalità e soprattutto indipendenza Foto Corrierediragusa.it

Renato Nuccio (nella foto) lascia la presidenza del Consorzio turistico. Nuccio ha formalizzato le sue dimissioni ai consiglieri del Consiglio di amministrazione, al direttore e al revisore dei conti. A Nuccio dovrebbe subentrare Francesco Frasca Polara. Nuccio E´ rimasto in carica 22 mesi, essendo stato eletto nel giugno del 2013. Questa la motivazione di Nuccio: "E´ il frutto di una serie di valutazioni professionali e personali ed è motivata esclusivamente dalla mia convinzione di non poter continuare ad assicurare al Consorzio la necessaria e costante presenza che la carica di Presidente richiede, in quanto la mia professione mi porta ad essere sempre meno presente a Modica. Dopo due anni di faticosa esperienza, durante i quali abbiamo, noi tutti, condiviso con entusiasmo e spirito di servizio quasi «pioneristico», nuove idee e nuovi progetti, adesso cominciano ad arrivare i primi tangibili risultati. E’ stata un’esperienza che ha arricchito il mio bagaglio professionale ma, soprattutto, umano; ho conosciuto ed ho lavorato con persone capaci e leali».

Sarà l´attuale vicepresidente Paolo Failla a gestire la fase di passaggio fino all´elezione del nuovo presidente. Il Consorzio,soprattutto in questi ultimi mesi è stato al centro di polemiche anche e perchè una parte dei soci ha criticato aspramente la presidenza Nuccio per essere stata troppo "accondiscendente" nei confronti dell´amministrazione e per non avere saputo realizzare i programmi prefissati. Ora si dovrà aprire una nuova fase con un presidente che assicuri capacità professionali, la coesione dell´organismo e soprattutto la sua indipendenza.