Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 756
MODICA - 31/03/2015
Attualità - Il monito del circolo "Il melograno"

Perdita finanziamenti Paes: Modica tace

L’amministrazione comunale sta disattendendo un adempimento obbligatorio Foto Corrierediragusa.it

L´amministrazione comunale ha perso il treno del Paes e del relativo finanziamento e resta in silenzio. Un silenzio imbarazzante. Nessuna risposta viene da palazzo S. Domenico riguardo alla mancata adesione al piano di azione per l´energia sostenibile perla cui redazione sono stati già persi 55 mila euro peri costi di progettazione. Dice il Circolo "il Melograno" di Legambiente: "Ci preoccupa, l´inerzia che ancora oggi l´Amministrazione dimostra rispetto a tale tematica. È importante precisare che dotarsi del Paes non è facoltativo ma obbligatorio se si vuole accedere alle risorse Pac III (Pano di Azione e Coesione) ed a quelle del nuovo ciclo di programmazione dei fondi comunitari in materia di efficienza energetica ed energie rinnovabili. La Regione ha infatti previsto come pre-condizione per l´accesso a tali risorse l´approvazione del Paes. A titolo di esempio di potenziali finanziamenti cui non si potrebbe accedere possiamo portare il finanziamento ottenibile per il progetto di riqualificazione della pubblica illuminazione in un ottica di efficientamento del sistema, opera prevista nel programma triennale delle opere pubbliche, recentemente presentato, e per la quale il sindaco stesso ha dichiarato che è tra quelle opere per le quali si devono trovare i finanziamenti".

Il Piano d´Azione per l’Energia Sostenibile, rappresenta il documento fondamentale del Patto dei Sindaci. Nel Paes si fissano gli obiettivi specifici di riduzione delle emissioni di Co2 e si definiscono le misure da intraprendere per raggiungere tali obiettivi entro il 2020. Documento, tra le altre cose, che le amministrazioni che hanno aderito al Patto dei Sindaci si sono impegnate a predisporre entro un anno dall´adesione. Modica ha dato l´adesione con l´amministrazione Buscema l´8 aprile 2013 e successivamente l´amministrazione attuale ha riconfermato ad ottobre 2013.

"L´Amministrazione - dice il circolo ambientalista - sta mandando un messaggio di noncuranza sul tema delle energie sostenibili e del risparmio energetico. La invitiamo a cambiare atteggiamento ed avviare la realizzazione di tutti gli adempimenti necessari per il Patto dei Sindaci al fine di assolvere la sua parte nella lotta ai cambiamenti climatici ed anche per gli importanti risvolti economici che le azioni programmabili possono generare per la città tutta".