Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 775
MODICA - 12/03/2015
Attualità - La denuncia è di Andrea Caruso e Michele Colombo, consiglieri Pd

Modica perde finanziamenti Paes

Chi non avrà il Paes sarà tagliato fuori dalla futura ripartizione dei fondi per i prossimi anni almeno fino al 2020 Foto Corrierediragusa.it

Modica non ha aderito al Piano di Azione per l´energia sostenibile. Perderà così l´occasione di ottenere finanziamenti e di migliorare la vivibilità e la ecosostenibilità del suo territorio. La denuncia è di Andrea Caruso e Michele Colombo, consiglieri Pd, che addebitano all´amministrazione le responsabilità di non avere presentato il progetto che avrebbe aperto le fonti di finanziamento che al momento la Regione ha fissato in 55 milioni di euro. Dice Andrea Caruso: " Mi preme sottolineare che la perdita per il Comune non sta solo nel contributo regionale per la redazione del progetto, ma consiste soprattutto nella mancata approvazione del Paes che avrebbe giovato all’economia della nostra comunità sia per la pioggia di finanziamenti previsti dal progetto (fino a mille Euro per abitante!) sia per i conseguenti investimenti infrastrutturali con evidente ricaduta sul piano occupazionale e per le imprese artigiane del nostro territorio. Chi non avrà il Paes sarà tagliato fuori dalla futura ripartizione dei fondi per i prossimi anni almeno fino al 2020. Considerate le innumerevoli e contestate consulenze esterne sin qui pagate dall’amministrazione con i fondi del bilancio comunale, non riesco proprio a comprendere la ragione per cui il sindaco abbia rinunciato, proprio questa volta, a nominare un consulente cui affidare tale importante incarico professionale".

Il Paes mira alla riduzione del 20% dell’emissione di CO2, all’incremento del 20% dell’efficienza energetica, all’innalzamento al 20% della quota dei consumi energetici coperta dalle fonti rinnovabili per il raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto.